Debiti per 35 milioni, fallita l'azienda: 130 operai rischiano di perdere il lavoro

Dopo oltre mezzo secolo di attività è stata dichiarata fallita la Saniplast di Ospitaletto, l'azienda di proprietà della famiglia Corioni

Dopo più di mezzo secolo, quasi 54 anni di attività, stavolta è davvero finita: il Tribunale di Brescia non ha accolto la richiesta di concordato per la Saniplast di Ospitaletta, da sempre di proprietà della famiglia Corioni, decretandone dunque il fallimento. La procedura in realtà era stata avviata qualche mese fa, ma poi congelata in attesa di verifiche tecniche: il piano di recupero era programmato entro il 2024. Ma a quanto pare non è bastato. L'azienda aveva un'esposizione di oltre 35 milioni di euro.

La fine di un'epoca

La fine di un'epoca. La Saniplast era stata fondata negli anni '60 da Luigi Corioni, storico patron del Brescia Calcio. Il primo stabilimento venne aperto nel 1965 a San Paolo, il secondo nel 1970 a Ospitaletto, ancora oggi il quartier generale. Il gruppo è specializzato nella produzione di sanitari e accessori per il bagno. Ad oggi l'azienda controlla anche un sito produttivo a Verbania.

Crisi irreversibile a parte, con il fallimento si addensano nubi neri per i lavoratori coinvolti. Sono più di 130 i dipendenti della Saniplast: con la chiusura dell'azienda sembra inevitabile il licenziamento collettivo. I sindacati sono in agitazione. Dal punto di vista giuridico, la verifica dello stato passivo è fissata per il 22 ottobre prossimo. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terribile incidente stradale: un morto, un ferito grave e 8 chilometri di coda

  • Pontevico, apre nuovo supermercato ALDI: tutte le informazioni

  • Musicista bresciano accoltellato fuori da un locale

  • Si schianta in moto, ragazzo finisce sotto un camion: è gravissimo

  • Corpo riverso sul tavolino, ragazzo bresciano trovato morto in casa

  • La fame di supermercati non si placa: nuovo punto vendita in arrivo

Torna su
BresciaToday è in caricamento