Il prefetto di Brescia visita la Feralpi di Lonato: "È un modello di industria tradizionale e sostenibile"

Ambiente e territorio i temi al centro della visita allo stabilimento di Lonato.

Sono stati l’ambiente e la sicurezza i due temi al centro della visita di un'importante delegazione istituzionale al Feralpi Group, nella sede del gruppo a Lonato del Garda, avvenuta martedì.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il presidente del Gruppo Feralpi Giuseppe Pasini ha avuto l’onore di accogliere, assieme alla famiglia Pasini ed al management: il prefetto di Brescia Attilio Visconti, il presidente e vicepresidente della Provincia di Brescia Samuele Alghisi e Guido Galperti, il vicesindaco di Lonato del Garda Nicola Bianchi e il dirigente del Comune di Brescia Marco Antonio Colosio.
 
"La visita è stata l’occasione per condividere la visione strategica del Gruppo Feralpi che trova nella responsabilità sociale d’impresa e nell’economia circolare il viatico dello sviluppo sostenibile. È stato un incontro in cui è stato possibile mettere a fattore comune un impegno trasversale che, nell’attraversare l’impresa e pubblica amministrazione, consente di fare dell’azienda uno strumento capace di creare valore assieme alle istituzioni che hanno la responsabilità non solo di monitorare e vigilare, ma anche di essere attivamente partecipi allo sviluppo di nuovi e moderni modelli di business." Si legge nella nota stampa diffusa dal Feralpi Group.
 
"La tutela dell’ambiente è la vera sfida del terzo millennio – ha commentato il Prefetto di Brescia, Attilio Visconti, a margine della visita – perché anche la sicurezza pubblica e la percezione di sicurezza dei cittadini passa sempre più attraverso le maglie ambientali. Ecco perché è fondamentale che, come nel caso di Feralpi, ci sia una visione imprenditoriale chiara, che si muova in questa direzione, che metta l’uomo al centro e che possa contare su una struttura manageriale fortemente impegnata nel raggiungimento di obiettivi ambientali e sociali. Ho visitato per la prima volta Feralpi tredici anni fa. Oggi sono stato colpito dall’entusiasmo, dalla professionalità e dall’applicazione di una tecnologia industriale avanzata raccontata attraverso un team coeso che ha saputo tradurre in modo concreto una visione lungimirante. Feralpi è quindi un modello di industria tradizionale e sostenibile, un fiore all’occhiello non solo per Brescia, ma anche per tutta l’Europa"
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Carla e Ines, la tragedia sulla strada per le vacanze

  • Si sente male nel suo locale, ristoratore bresciano muore mentre sta lavorando

  • Coronavirus, in Lombardia via libera a calcetto e discoteche

  • Scontro mortale in autostrada: decedute due sorelle bresciane

  • Si appoggia a un masso e precipita nel vuoto: addio a Saverio

  • Assalto all'uscita dal supermercato: rapinatori via con l'orologio da 48mila euro

Torna su
BresciaToday è in caricamento