Azienda in vendita dopo il concordato, più di 250 operai a rischio

Destino incerto per i lavoratori della Stefana di Montirone e Nave: dopo il concordato l'azienda vende, ma le prospettive non sono buone. Sono 260 gli operai a rischio: il sindacato annuncia battaglia

“Non accetteremo i licenziamenti”. All'ultimatum dell'azienda, la scadenza per i bandi di cessione dei rami Stefana a Montirone e Nave, risponde l'ultimatum dei sindacati, della Fiom. “Non accetteremo i licenziamenti”: le parole del segretario Francesco Bertoli, quando manca davvero pochissimo – il termine è lunedì a mezzogiorno – proprio per la scadenza dei bandi di cessione dei rami d'azienda Stefana in concordato preventivo.

Vento di tempesta sulle fabbriche bresciane a “marchio” Stefana. In ballo ci sono ben 260 lavoratori, alle prese (per ora) con la cassa integrazione, e ad alto rischio per quanto riguarda la procedura di mobilità, se appunto non ci saranno proposte d'acquisto “utili” per i bandi di cessione di cui sopra.

Sarà battaglia. Anche istituzionale: i sindacati avrebbero già chiesto a Provincia e Regione una deroga di 90 giorni alla cassa integrazione per i lavoratori non ancora ricollocati. Sono 260 a rischio: di questi, forse, una settantina verrebbero “acquisiti” dall'Alfa Acciai di San Polo, interessata allo stabilimento di Montirone.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Più incerto il destino della fabbrica di Nave: ne restano ancora 190. Sarà battaglia. Gli operai “a rischio” hanno già dichiarato di essere pronti a bloccare le merci. Qualcun altro suggerisce addirittura l'occupazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico incidente: Giulia e Claudia morte in un terribile frontale

  • Strade sommerse da un'incredibile grandinata: servono le ruspe per liberarle

  • Nuovo supermercato dopo il lockdown: sarà aperto tutti i giorni fino alle 22

  • Coronavirus: Brescia è la prima provincia italiana per nuovi contagi

  • Violenta rissa, ragazzino picchiato e lasciato ferito in mezzo alla strada

  • Drammatico schianto frontale nella notte: morte due ragazze

Torna su
BresciaToday è in caricamento