Va dove ti porta il salario: la Santoni Spa trasferisce la produzione in Cina

La decisione sarebbe già presa, i sindacati sul piede di guerra mentre si aspetta almeno il rinnovo del contratto di solidarietà per 300 operai. La società vuole trasferire il 70-80% della produzione in Cina

Industria tessile cinese (foto d’archivio)

Della serie, va dove ti porta il salario (il più conveniente): azienda bresciana si prepara a chiudere i battenti (non del tutto, ma in larga parte) e a trasferire la produzione in Cina, dove è già presente con un altro stabilimento. Questo è quanto riferito dai sindacati di Fiom e Fim, a poche ore dall'incontro (forse decisivo) con la direzione aziendale.

Succede a Brescia, in Via Carlo Fenzi: dove trova posto la fabbrica della Santoni Spa, di proprietà del gruppo Lonati, da più di 60 anni leader nel meccano-tessile ad automazione avanzata. Trattative in corso: ad oggi sono 340 gli operai occupati in loco, ma già in contratto di solidarietà.

Contratto che tra l'altro scade tra una settimana: i sindacati ne chiedono almeno il rinnovo. Così dovrebbe essere, ma con una prima sostanziale riduzione degli operai, oltre il 10% in meno: da 340 occupati a 300.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • All'ospedale Civile una paziente col Coronavirus, controlli su 5 bresciani

  • Emergenza Coronavirus: 4 casi positivi al Civile, c'è il primo bresciano

  • "Non so come l'ho preso": parla la ginecologa positiva al coronavirus

  • Secondo caso bresciano di Coronavirus: è una ginecologa di 36 anni

  • Emergenza coronavirus: scuole chiuse in tutta la Lombardia

  • Coronavirus, Lombardia 'blindata": scuole chiuse, bar e locali off limits dalle 18

Torna su
BresciaToday è in caricamento