domenica, 23 novembre 4℃

Brescia, negozi aperti il 25 aprile e il 1 maggio: l'opposizione dei sindacati

Grazie al provvedimento del Governo Monti in materia di liberalizzazione degli orari degli esercizi commerciali, i negozi d'ora in avanti potranno restare aperti anche durante le festività, 25 aprile e 1 maggio compresi

Giovanni Pizzocolo 20 aprile 2012
2

Archiviate Pasqua e Pasquetta con tanti negozi aperti, i sindacati chiedono lo stop della spesa di domenica e nelle festività, ribadendo "la totale contrarietà al provvedimento del Governo Monti in materia di liberalizzazione degli orari degli esercizi commerciali, che d'ora in posporranno stare aperti 365 giorni l'anno: questa liberalizzazione è particolarmente pericolosa perché non crea occupazione".

Brescia, elenco completo negozi aperti 25 aprile 2012

Si chiede l'astensione dal lavoro festivo soprattutto per le giornate del 25 aprile e del Primo maggio. A Milano, il sindaco Giuliano Pisapia si è opposto all'idea che i negozi possano rimanere aperti nel giorno della Liberazione. "Ci sono feste che tutti hanno il diritto di celebrare - ha risposto alle domande dei cronisti - e oltre a quelle religiose, ci sono quelle civili, tra cui il 25 aprile e il Primo Maggio che devono essere celebrate con la partecipazione ad eventi e manifestazioni e questo contrasta con l'apertura dei negozi".

25 aprile e 1 maggio: i negozi resteranno aperti, è giusto? VOTA

I consumi non aumentano, ma le aziende, pur aprendo la domenica, dichiarano che le vendite complessive restano stabili, rendendo così evidente che il provvedimento del Governo non coglie nel segno: "La pretesa che sta circolando nelle imprese della distribuzione organizzata è di aprire un giorno in più a costo zero. Nessuna assunzione, orari di lavoro cambiati, nessun beneficio salariale", afferma Stefano Franzoni, dell'Uiltucs.

In città, i centro commerciali Freccia Rossa e Rondinelle il 1° maggio resteranno chiusi. Rimarranno aperti, invece, le Porte Franche di Erbusco e il Leone di Lonato, dove si attendono 40 mila persone. Il 2 giugno le cattedrali dello shopping farranno risplendere le loro vetrine un po' ovunque, lo stesso dicasi per il 25 aprile. Business is business: ci si libera dal nazi-fascismo, non dallo scontrino.

Annuncio promozionale

negozi aperti festività

2 Commenti

Feed
  • Avatar anonimo di luigi1274

    luigi1274 Ci sarà qualcosa al mondo su cui i sindacati sono d'accordo con gli altri?

    il 21 aprile del 2012
    • Avatar anonimo di dorina

      dorina Non è un problema di essere d'accordo, il problema è che il grosso commercio vuole tenere aperti i negozi nelle feste con lo stesso numero di dipendenti,quindi aumentando le ore lavoro e il primo maggio ci ricorda la lotta dei lavoratori per la riduzione dell'orario di lavoro!

      il 21 aprile del 2012