A2A, Pisapia: "Un amministrazione delegato di altissimo livello"

Il sindaco di Milano interviene sul nuovo riassetto della multiutility, dopo la scelta di dire addio alla governance duale. Sulla riduzione del numero dei consiglieri, pesa il potere di blocco dei tre di minoranza

L'amministratore delegato di A2A "dev'essere di un'altissima professionalità e competenza", addirittura "al di sopra di tutti i componenti del cda" mentre "è del tutto evidente che nel momento in cui c'è un amministratore delegato vengono meno le figure dei due direttori generali".

Lo ha detto il sindaco di Milano, Giuliano Pisapia, rispondendo alle domande delle commissioni Bilancio, Affari istituzionali e Società partecipate in merito alla modifica dello statuto di A2A e alla sua futura gestione. Il fatto che la scelta dell'A.d. sia frutto di "una decisione consensuale" da parte dei Comuni di Brescia e Milano "è una garanzia per tutti perché significa che l'amministratore delegato non sarà solo nella lista di una delle due amministrazioni" ha detto Pisapia commentando le previsioni del nuovo statuto all'esame dei consigli comunali.

Il sindaco ha spiegato che l'addio al duale e il ritorno al Cda classico non è frutto della "volontà di un intervento sul consiglio attuale", ai cui amministratori ha riservato parole di apprezzamento, ma della necessità di "maggiore efficienza e celerità a livello decisionale" perché in passato "il palleggio tra la sorveglianza e la gestione ha provocato in alcuni casi un blocco o un ritardo delle decisioni". All'interno del cda, ha poi aggiunto, "l'amministratore delegato deve essere di un livello di competenza addirittura superiore a tutti i componenti".

Di fronte alla richiesta di un Cda più snello rispetto a quello di 14 componenti previsto dalla proposta di modifica dello statuto, Pisapia ha avvertito che "i risparmi e la sobrietà sono fondamentali ma non si può tirare troppo la corda". Se il cda fosse composto da meno di 12 consiglieri, infatti, i tre assegnati alle minoranze avrebbero un potere di blocco sulle decisioni a maggioranza qualificata. D'altra parte una riduzione dei posti assegnati alle minorities va soppesata attentamente perché farebbe scattare il diritto di recesso, sulla base della lettura combinata dell'articolo 2437 del codice civile e dello statuto.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • social

    C'è una nuova panchina gigante: la vista sul lago e su Montisola è stupenda

  • Cronaca

    Assalto al centro commerciale: vetrina sfondata, colpo al bar da migliaia di euro

  • Incidenti stradali

    Al volante ubriaco dopo un matrimonio, si schianta in auto con i tre figli piccoli

  • Cronaca

    Vuole vedere Cristina D'Avena, fan scatenato prende a pugni in faccia il vigilante

I più letti della settimana

  • Uccisa da un malore mentre sta pulendo casa: addio a Silvia

  • Maxi-sequestro da 130mila metri quadri: rifiuti tossici, falda contaminata

  • Auto sbanda in curva, poi la tragedia: chi era la vittima

  • "Adesso mi ammazzo!": torna a casa ubriaco, si accoltella davanti ai genitori

  • Milano, incidente in A8: morto Maykoll Calcinardi di Riva del Garda

  • La disperazione per la morte di Leonardo: "Eri un ragazzo speciale"

Torna su
BresciaToday è in caricamento