Maxi-investimento a due passi dal lago: previste 100 nuove assunzioni

Concluso l'affare della Manifattura Reti di Pilzone di Iseo per l'acquisizione dell'ex capannone della Nk, acquisito a 3,5 milioni da Ubi Leasing: si prevedono fino a 100 nuovi posti di lavoro

Un investimento da tre milioni e mezzo di euro per cento nuovi posti di lavoro: questo in estrema sintesi il progetto della Ma.Re. (Manifattura Reti) di Pilzone di Iseo, storica azienda bresciana specializzata nella produzione di reti da pesca e che da qualche anno è tra i leader di settore (con vendite al 95% all'estero) nella produzione di monofilo per feltri da carta, automotive e settore medicale.

Lo scrive il Giornale di Brescia: la società ha completato l'acquisizione dell'ex stabilimento della Nk per 3,5 milioni di euro, struttura che dal 2014 era di proprietà di Ubi Leasing (che si è occupata anche delle operazioni di bonifica).

L'area occupa in tutto più di 24mila metri quadrati, con un capannone da oltre 20mila. A margine dei dovuti adeguamenti e delle sistemazioni necessarie, lo stabile verrà inizialmente utilizzato come magazzino, e poi trasformato in uno stabilimento produttivo vero e proprio.

Con questo intervento la Ma.Re. di Iseo raddoppierà il numero dei suoi occupati, ad oggi un'ottantina di dipendenti a cui se ne aggiungeranno a quanto pare altri cento. Il gruppo ha chiuso il 2017 con un fatturato di oltre 20 milioni di euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza grave in ospedale per un'infezione: un altro caso dopo Veronica?

  • Operai al cimitero: la bara scivola, si rompe e fuoriesce la salma

  • La testa schiacciata tra la gru e il tetto: così è morto Antonio, padre di tre figli

  • Troppa nebbia, esce di strada e finisce nel canale: muore annegato nella sua auto

  • Ragazza di 16 anni in ospedale: "E' lo stesso Meningococco di Veronica"

  • Tragedia avvolta nel mistero: cadavere trovato in autostrada, lungo la corsia di sorpasso

Torna su
BresciaToday è in caricamento