Il virus che 'ricatta' il computer: centinaia di segnalazioni alla Polizia

Centinaia di segnalazioni nelle ultime settimane alla Polizia Postale di Brescia: un virus che ricatta il computer, ne blocca il funzionamento finché non si paga. In allegato a mail di corrieri per pacchi mai ricevuti

Occhi e mouse ben puntati. Per la nuova truffa che viaggia via mail, e che è stata denunciata anche dalla Polizia Postale di Brescia. Un cosiddetto ‘virus ricatto’, in inglese 'ransomware': una volta dentro al pc ne blocca il funzionamento, ‘liberandolo’ solo previa pagamento all’hacker di turno.

Un malware che si nasconde in alcune invitanti mail fittizie. Un pacco regalo, oppure un vecchio ordine, la notifica di un corriere: poche righe, non sempre in italiano perfetto, e poi un allegato che una volta aperto non ti molla più. A meno che non si ‘sganci’ moneta virtuale con cui foraggiare il gruppo hacker che ha intasato il computer.

Meglio starci molto attenti: nelle ultime settimane sarebbero a centinaia le segnalazioni del ‘worm’ solo in provincia di Brescia. Pare che la truffa abbia colpito prima aziende e imprese, passando poi alle utenze private.

Potrebbe interessarti

  • Sudorazione eccessiva? Ecco cos'è l'iperidrosi

  • Cosa possono bere (e cosa no) i bambini nell’età della crescita

  • Caffè, brioche e dolci sorprese: i bar di Brescia dove la colazione è un'arte

  • Lo spioncino digitale per la porta di casa

I più letti della settimana

  • Nadia è morta per un cancro al cervello: la spiegazione degli oncologi italiani

  • "Era drammatico: Nadia sapeva che sarebbe morta, ma non perdeva il sorriso"

  • Nadia Toffa, al funerale c'era l'ex fidanzato: quando parlò di figli e matrimonio

  • Offlaga: parte un colpo di fucile, morto il 19enne Riccardo Moretti

  • Nadia Toffa, è il giorno dell'addio: attese centinaia di persone da tutta Italia

  • Da un piccolo allevamento a un impero da 50 milioni: morta Elvira Crescenti

Torna su
BresciaToday è in caricamento