Il virus che 'ricatta' il computer: centinaia di segnalazioni alla Polizia

Centinaia di segnalazioni nelle ultime settimane alla Polizia Postale di Brescia: un virus che ricatta il computer, ne blocca il funzionamento finché non si paga. In allegato a mail di corrieri per pacchi mai ricevuti

Occhi e mouse ben puntati. Per la nuova truffa che viaggia via mail, e che è stata denunciata anche dalla Polizia Postale di Brescia. Un cosiddetto ‘virus ricatto’, in inglese 'ransomware': una volta dentro al pc ne blocca il funzionamento, ‘liberandolo’ solo previa pagamento all’hacker di turno.

Un malware che si nasconde in alcune invitanti mail fittizie. Un pacco regalo, oppure un vecchio ordine, la notifica di un corriere: poche righe, non sempre in italiano perfetto, e poi un allegato che una volta aperto non ti molla più. A meno che non si ‘sganci’ moneta virtuale con cui foraggiare il gruppo hacker che ha intasato il computer.

Meglio starci molto attenti: nelle ultime settimane sarebbero a centinaia le segnalazioni del ‘worm’ solo in provincia di Brescia. Pare che la truffa abbia colpito prima aziende e imprese, passando poi alle utenze private.

Potrebbe interessarti

  • Per tutta estate il paese illumina strade e palazzi: sul lago il borgo più romantico d'Italia

  • Fascicolo Sanitario Elettronico: come consultare i referti online

  • Comune di Brescia: sedi CAAF Cgil

  • Le migliori gelaterie di Brescia

I più letti della settimana

  • A tutta velocità, fermato dalla Polizia: a bordo c’è un bimbo che sta male

  • Si sporge dal finestrino, ragazzo cade dal furgone in corsa e muore sul colpo

  • In arrivo un'ondata di caldo record: quando è previsto il picco

  • Tenta il suicidio nel ristorante dove lavora, gravissimo giovane cameriere

  • Addio al celibato degenera nell’alcol: pene gigante contro i passanti

  • Tragica morte di ‘Ale’, la svolta: operaio indagato per omicidio colposo

Torna su
BresciaToday è in caricamento