Dipendenti-schiavi al ristorante: pagati 5 euro in nero, sorvegliati da telecamere

Denunciato un imprenditore di Verolanuova, titolare di un noto ristorante: al suo interno ci lavoravano cinque dipendenti in nero, pagati meno di 5 euro l'ora

Foto di repertorio

Per gli uomini del Nil, il Nucleo ispettorato del lavoro dei carabinieri, l'imprenditore sfruttava i suoi dipendenti approfittando del loro stato di bisogno: erano tutti in nero, e quindi senza alcun contratto, pagati meno di 5 euro l'ora e addirittura videosorvegliati, ripresi in ogni attimo del loro lavoro da un impianto di telecamere. Il proprietario del ristorante, un locale di Verolanuova, è stato denunciato per capolarato aggravato: alle sue dipendenze cinque lavoratori, nessuno di loro assunto con regolare contratto.

E questo è soltanto uno dei tantissimi interventi che dall'inizio dell'anno i carabinieri del Nil stanno portando avanti in tutta la provincia: una vasta operazione di controllo che solo a gennaio ha permesso di verificare le condizioni di 56 lavoratori, di cui 12 sono risultati in nero, con sanzioni penali e amministrative alle aziende per oltre 40mila euro, e la sospensione di tre attività imprenditoriali.

Controlli in tutta la provincia

In totale sono più di 20 le ispezioni in tutta la provincia di Brescia. A Breno un'azienda edile è stata multata per oltre 100mila euro, con la contestuale sospensione dell'attività di cantiere. Il motivo: gravi violazioni in materia di sicurezza, tra cui gru e ponteggi. Al cantiere gli operai stavano lavorando alla realizzazione di un  nuovo supermercato.

Altre attività ispettive hanno riguardato alcune case vacanze gestite in regime di multiproprietà nella zona di Ponte di Legno: anche in questo caso sono state riscontrate violazioni in materia di sicurezza sul lavoro e ovviamente personale in nero.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nelle ultime settimane di controlli sono stati passati al setaccio e ispezionati anche bar e ristoranti, autolavaggi e benzinai, attività lavorative specifiche nel settore della logistica. Le aziende beccate con lavoratori in nero sono state temporaneamente chiuse, e poi riaperto dopo la regolarizzazione dei dipendenti, con un contratto di lavoro di almeno tre mesi, e il pagamento di una multa salata.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico incidente: Giulia e Claudia morte in un terribile frontale

  • Strade sommerse da un'incredibile grandinata: servono le ruspe per liberarle

  • Nuovo supermercato dopo il lockdown: sarà aperto tutti i giorni fino alle 22

  • Coronavirus: Brescia è la prima provincia italiana per nuovi contagi

  • Violenta rissa, ragazzino picchiato e lasciato ferito in mezzo alla strada

  • Drammatico schianto frontale nella notte: morte due ragazze

Torna su
BresciaToday è in caricamento