Scomparsa dei coniugi bresciani: sconcerto dei turisti a Los Roques

"Gli aerei sono vecchi, degli anni settanta. Quello che colpisce veramente tanto è la coincidenza con il 4 gennaio di cinque anni fa"

Una doccia fredda sull'arcipelago di Los Roques: la scomparsa dell'aereo con a bordo Vittorio Missoni, la moglie e i coniugi bresciani Guido Foresti e Elda Scalvenzi, spegne l'aria di vacanza. "L'atmosfera è cambiata, l'aria di vacanza è svanita: tutti ne parlano e sono molto colpiti" spiega al telefono Alessandro P., un turista italiano habitué di Los Roques, al suo ultimo giorno di vacanza sulle isole.

Domani Alessandro prenderà il volo che da Los Roques lo porterà a Caracas per rientrare in Italia: "i nostri piani al momento non sono cambiati ma parlare di "tranquillità" nel volare sulla stessa rotta del volo scomparso é ovviamente "un po' eccessivo". Alessandro P., a Los Roques con la fidanzata e alcuni amici di Udine, ha saputo della scomparsa dell'aereo ieri sera, quando il proprietario della 'Posada' dove alloggia è stato allertato con una telefonata.

"Non so chi lo abbia chiamato, ma gli hanno detto che l'aereo partito da Los Roques non era arrivato a Caracas. Alcuni ragazzi appena arrivati li avevano incrociati all'aeroporto di Los Roques, dove il loro volo era un po' ritardo forse a causa di un bagaglio" smarrito, ipotizza Alessandro, descrivendo lo scalo di Los Roques come "molto piccolo" con una torre di controllo "approssimativa", trasportata nell'isola in occasione di una visita di Hugo Chavez negli anni scorsi e mai rimossa.

La compagnia aerea del volo scomparso è piccola e - riferisce Alessandro, che in passato ha anche vissuto per un periodo in Venezuela - funziona come una compagnia di charter, anche se effettua prevalentemente voli privati. Gli aerei che effettuato la rotta Caracas-Los Roques "sono vecchi, degli anni settanta. Quello che colpisce veramente tanto è la coincidenza con il 4 gennaio di cinque anni fa" quando un altro aereo era scomparso, ricorda Alessandro.

Nessuno al momento specula sulle cause dell'accaduto. "In Venezuela la benzina costa meno dell'acqua ma spesso non è pulita e quindi questo può causare problemi ai motori di barche e non solo - afferma Alessandro -. Non voglio dire che questo è il motivo della scomparsa. C'é qualcuno che dice che hanno trovato una macchia d'olio, ma sono tutte voci e non si sa cosa sia vero o meno".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • All'ospedale Civile una paziente col Coronavirus, controlli su 5 bresciani

  • Coronavirus, contagiati altri due bresciani: primo caso sospetto in città

  • Incidente a Pozzolengo: neonato di Lonato muore in ospedale

  • "Non so come l'ho preso": parla la ginecologa positiva al coronavirus

  • Emergenza Coronavirus: 4 casi positivi al Civile, c'è il primo bresciano

  • Secondo caso bresciano di Coronavirus: è una ginecologa di 36 anni

Torna su
BresciaToday è in caricamento