Los Roques: su quella rotta già quattro casi con italiani

Sono già quattro i casi di aerei dispersi con a bordo italiani su quella rotta maledetta: il primo nel 1997, l'ultimo nel 2008, ancora avvolto in un velo di mistero

E' maledetta la rotta aerea da e per il paradiso venezuelano dell'arcipelago di Los Roques: sono quattro i casi che hanno coinvolto aerei da turismo con a bordo cittadini italiani dal 1997 a venerdì, quando è scomparso il velivolo che trasportava i coniugi di Pralbolino Guido Foresti e Elda Scalvenzi, oltre a Vittorio Missoni e alla moglie.

Una tratta a rischio tanto che la Farnesina, così come i ministeri degli Esteri di Londra e Parigi, da sempre sconsigliano l'uso di velivoli turistici locali, non legati a tour operator, per le escursioni aeree nell'area, "specie se di ridotte dimensioni", perché "sono spesso coinvolti in incidenti provocati anche dalla scarsa manutenzione".

Questi i precedenti: 2008: il 4 gennaio scompare un bimotore Let 410 della compagnia Transaven. A bordo 14 passeggeri, otto sono italiani: Paolo Durante e la moglie Bruna Guerrieri, le loro figlie Sofia di 6 anni e Emma di 8, Stefano Fragione, Fabiola Napoli, Annalisa Montanari e Rita Calanni.

Nell'aprile di quell'anno, Avionews rivela che a bordo c'erano 18 passeggeri e non 14, dando concretezza alle speculazioni sull'ipotesi che l'aereo fu dirottato da narcotrafficanti. Il prossimo 18 gennaio riprenderanno le ricerche del relitto.

2006: il 24 luglio scompare un Cessna partito dall'arcipelago e diretto all'aeroporto Arturo Miquelena di Valencia. A bordo tre italo-venezuelano, Franco Rotunno Diaz, Vincenzo Efrain Rotunno Oteiza e Gabriel Venturi Ariza, e altri due passeggeri. In questo caso, a differenza degli altri, i resti del velivolo vengono ritrovati anche se due mesi dopo. Nessun superstite.

2004: il 12 febbraio un Beechcraft Bonanza, pilotato da Antonio Buzzi, scompare dai radar mentre sorvola il parco Henri Pittier sulla rotta Los Roques-Maracay. A bordo anche le due figlie di Buzzi, Barbara e Betty (39 e 29 anni), e il marito di quest'ultima, Franco Rosetta, di 29 anni. Il pilota aveva avvisato che sarebbe atterrato alla base aerea Libertador di Maracay, dove però non arrivò mai.

1997: il 2 marzo un Cessna 402 con a bordo due coniugi veneti, Mario Parolo e Teresa de Bellis, partito da Caracas e diretto sull'isola non è mai arrivato a destinazione. Dei due italiani, che viaggiavano insieme ad altri tre passeggeri, non si seppe più nulla.

In un'interrogazione parlamentare dell'epoca, la Lega Nord ipotizzò, oltre alla tesi dell'incidente, l'ipotesi di "un atto di pirateria aerea compiuto da organizzazioni di narcotrafficanti venezuelani".

Sempre attorno all'arcipelago, ma di diverso tipo, fu l'incidente del 3 febbraio del 2002, quando sette italiani si salvarono miracolosamente dopo l'ammaraggio dell'aereo su cui si trovavano, sempre della compagnia Transaven.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: in Lombardia 293 nuovi contagi, a Brescia altre 8 croci

  • Terribile incidente: ciclista sbanda e muore schiacciato da un camion

  • Coronavirus: assalto per la movida, Del Bono costretto a chiudere Piazzale Arnaldo

  • Terribile schianto frontale, auto distrutte e 3 feriti: uno è grave al Civile

  • Brescia: tutte le attività commerciali aperte e che fanno consegna a domicilio

  • Si butta dalla finestra di casa, giovane uomo muore suicida

Torna su
BresciaToday è in caricamento