"Forse era alterato da un farmaco, piange a dirotto quando parla di Manuela"

L'avvocato di Fabrizio Pasini, reoncofesso dell'omicidio di Manuela Bailo, cerca di smontare l'ipotesi della premeditazione, sulla quale lavora la procura

Manuela Bailo e Fabrizio Pasini

"Non si può escludere nulla, nemmeno l'ipotesi che il mio assistito fosse sotto l'effetto di qualche farmaco, magari assunto durante la permanenza al pronto soccorso, che in qualche modo lo abbia annebbiato". Spiega ancora il legale che non ritiene affatto verosimile l'ipotesi della premeditazione, sulla quale sta invece lavorando la procura.

"Se avesse voluto uccidere Manuela e avesse premeditato davvero il delitto, non l'avrebbe fatto in piena notte, con poco tempo per lasciare l'abitazione della madre e poi tornare dalla famiglia, ma alle 20 quando i due si sono incontrati. Un appuntamento, peraltro, che non era nemmeno stato pianificato", aggiunge Pettenadu.

Secondo il legale la versione resa nel corso della confessione dal suo assistito, quella dell'incidente, è più che credibile. Sono tanti però gli elementi poco chiari di quel racconto: "Abbiamo litigato, ci siamo spinti e Manuela è caduta dalle scale": l'autopsia ha infatti evidenziato come la morte di Manuela sia stata causata da un taglio netto alla carotide.

"Gli inquirenti parlano di una ferita di taglio o di punta: c'è una bella differenza tra le due cose", commenta ancora il legale. Poi c'è la questione dei due coltelli che Pasini ha spiegato agli inquirenti di custodire nella sua macchina: solo uno è stato trovato e non corrisponderebbe all'arma del delitto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Pasini fa molta fatica a ricordare alcuni dettagli risalenti alla notte del delitto - continua Pettanadu,  che sta valutando l'ipotesi di rivolgersi al tribunale del riesame -. Su alcuni punti è ancora confuso: credo che questi giorni che sta trascorrendo in isolamento lo possano aiutare a ripercorrere con maggiore lucidità l'accaduto. Dopo l'arresto era molto scosso e ogni volta ha dovuto raccontare gli ultimi istanti di vita di Manuela ha sempre pianto a dirotto. Quando ha portato gli inquirenti nella cascina di Azzanello non è riuscito a guardare il corpo senza vita di Manuela".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giovane papà stroncato dal Coronavirus: Alessandro aveva solo 48 anni

  • Coronavirus: giovane direttrice di banca trovata morta in casa dal fratello

  • Economia bresciana in lutto: nello stesso giorno muoiono due imprenditori

  • Coronavirus in provincia di Brescia: morti e contagi Comune per Comune

  • Coronavirus, nel Bresciano 274 contagi e 69 decessi nelle ultime 24 ore

  • "Hai combattuto da eroe": addio a Marco, morto a soli 43 anni

Torna su
BresciaToday è in caricamento