Sfigurò il suo ex fidanzato: le portano via la bimba appena nata

Il Tribunale dei Minori ne ha disposto l'allontanamento: la 26enne Elena Perotti, che sfigurò con l'acido il suo ex William Pezzullo, perde l'affido della sua secondogenita. Mai stata in carcere, si è sposata in comunità

Elena Perotti - fonte: Facebook

Erano stati condannati a 10 anni, a testa, con rito abbreviato: Elena Perotti e Dario Bertelli, i due complici che nella notte di un grigio settembre di (quasi) quattro anni fa sfregiarono con dell'acido William Pezzullo, rimasto invalido al cento per cento e sfigurato per sempre. Si erano lasciati, lei era incinta, sembra che lui non volesse riconoscere il suo bambino: venne aggredito nel cortile di casa, preso a calci e poi 'bruciato' con mezza bottiglia di acido.

La giovane Perotti – all'epoca aveva solo 22 anni in realtà in carcere non ci è mai stata. E' stata in comunità, per un percorso di riabilitazione: un percorso ancora lungo, il Tribunale dei Minori ha infatti disposto l'allontanamento dei suoi due figli. Il primo, nato 3 anni fa e che lei sosteneva fosse figlio di Pezzullo. La seconda, nata solo pochi mesi fa da una relazione – poi sfociata in matrimonio – sbocciata proprio in comunità.

La richiesta di Elena Perotti sarebbe quella di poter scontare il resto della pena a casa del neomarito, ai domiciliari e in compagnia dei suoi due figli piccoli. In carcere invece ci è andato fin da subito, e ci rimarrà a lungo accusato anche di stalking, il 47enne Dario Bertelli: si trova ancora a Canton Mombello.


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pescava quintali di cocaina dall'oceano, poi li portava a Brescia per lo spaccio

  • Brutta sorpresa dopo lo shopping: auto sparite fuori dal centro commerciale

  • Da pochi mesi in Indonesia, morto a 42 anni Davide Savelli

  • Le prime cinque aziende bresciane per fatturato

  • Schianto frontale nella notte: auto sventrata, morto un uomo

  • Incidente stradale in scooter, morta la 39enne Rachele Marino

Torna su
BresciaToday è in caricamento