Cancella le multe e si intasca i soldi: sospeso comandante della Locale

La notizia clamorosa arriva da Travagliato: la Procura di Brescia ha indagato il comandante della Polizia Locale, Giacomo Pinti. Ma altri sette agenti sarebbero in qualche modo coinvolti

Foto di repertorio

Indagato il comandante della Polizia Locale di Travagliato, Giacomo Pinti: è già stato sospeso dall'incarico. La Procura lo accusa di peculato, abuso d'ufficio e falso ideologico in atto pubblico. E non sarebbe il solo: nell'inchiesta (anche se coinvolti a vario titolo, al massimo in uno o due casi a testa) ci sono anche altri sette agenti.

Travagliato: agente della Locale
si suicida con un colpo di pistola

Questo invece, secondo l'accusa, il modus operandi del comandante Pinti. I fatti risalirebbero dai due ai quattro anni fa, dal 2013 al 2015: in alcuni casi avrebbe annullato delle contravvenzioni, in cambio di denaro dai diretti interessati. In altre occasioni invece avrebbe proprio fatto sparire dei soldi.

A quanto pare il comandante Pinti si sarebbe fatto pagare alcune multe, da ignari cittadini, a cui consegnava una ricevuta falsa, che “raccontava” di soldi mai incassati oppure di una cifra inferiore. E in cassa, settimana dopo settimana e mese dopo mese, sarebbero sparite decine di migliaia di euro.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si accascia a terra in casa, giovane mamma uccisa da un improvviso malore

  • Investita mentre attraversa la tangenziale di notte: morta ragazza di 22 anni

  • Ucciso dal cancro: fino all'ultimo Luca ha voluto gli amati cani al suo fianco

  • Parcheggia l'auto, poi cammina in mezzo all'autostrada: ucciso da un tir

  • Donna trovata morta nel canale: potrebbe essere stata uccisa

  • Uccisa e fatta a pezzi dal marito: "Conosceva il suo tragico destino"

Torna su
BresciaToday è in caricamento