"Cacciatori assassini": trappole antiuomo nei campi della Bassa

Un lavoro certosino realizzato a mente fredda fissando lunghi spuntoni su barre metalliche, poi nascoste accuratamente tra la vegetazione

Lunghi chiodi appuntiti saldati a strisce metalliche: non un semplice messaggio, ma una chiara e lucida intenzione di fare male. Davvero inquietanti i ritrovamenti avvenuti nei giorni scorsi in un terreno nella Bassa, nella campagna di Pompiano, al confine con la località Meano, frazione di Corzano. Un 70enne del posto - racconta Manerbio Week - mentre si recava al suo capanno per tagliare della legna ha notato qualcosa di luccicante tra le stoppie. Una volta avvicinatosi, la paurosa scoperta.

Nascoste tra l'erba e i rimasugli della mietitura, il pensionato ha trovato ben quattro trappole antiuomo: strisce metalliche sulle quali sono stati pazientemente saldati chiodi con la punta rivolta verso l'alto. Accanto alle trappole, i messaggi che lasciano intendere l'obiettivo di chi li ha posizionate: "Cacciatori assassini. Ora basta, la pagherete". 

Dopo aver messo in guardia un paio di cacciatori, il 70enne si è recato dalla Polizia locale per denunciare i ritrovamenti. Inqualificabile il gesto, che avrebbe potuto ferire non solo i cacciatori ma anche chi passeggia in campagna, i podisti, gli agricoltori, o qualcuno di passaggio, come il pensionato 70enne. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Baci alla ragazza, finisce a processo: "Non sapevo avesse appena 12 anni"

  • Malore al bar: si accascia a terra e muore sotto gli occhi di barista e clienti

  • Le lacrime per mamma Laura, stroncata da un tumore a soli 38 anni

  • Cadavere ritrovato nel lago d'Iseo: forse è la giornalista Rosanna Sapori

  • Stroncata dalla malattia in poco tempo, mamma Michela muore a 43 anni

  • Nel Bresciano il primo Porsche Experience Center d'Italia (da 26 milioni)

Torna su
BresciaToday è in caricamento