Riforma sanitaria: a rischio chiusura quattro ospedali bresciani

Infuria la polemica sul nuovo Patto della Salute che segue la linea già avviata con la spending review: 175 piccoli ospedali da chiudere entro il 2014, di cui 31 in Lombardia. A Brescia 'tocca' a Iseo, Leno, Montichiari e Salò

Ci sono anche quattro ‘bresciani’ tra i 175 ospedali italiani a rischio chiusura inseriti nel nuovo Patto per la Salute, una sorta di prosecutio della spending review inaugurata dal Governo di Mario Monti e che prevede la chiusura, con successivo accorpamento, di tutti quegli istituti ospedalieri con meno di 120 posti letto.

Un destino che pare già segnato allora per i ‘piccoli’ di Leno e Salò, che insieme fanno una trentina di posti, ma pure per il più ‘ingombrante’ ospedale di Iseo, che dal centinaio di qualche tempo fa ora sembra fisso sugli 88 posti letto.

Più complicata la questione di Montichiari, ospedale che comunque può vantare il numero minimo, i 120 posti letto appunto. Al momento è nell’elenco delle ‘chiusure’, si lavora comunque ad un salvataggio in ‘zona Cesarini’, in vista di un già previsto accorpamento con Gussago, e un ampliamento della struttura stessa.

Nella ‘top ten’ delle Regioni italiane troviamo in cima alla classifica Sicilia e Lombardia, rispettivamente con 37 e 31 ospedale che, prima o poi, dovranno essere chiusi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza grave in ospedale per un'infezione: un altro caso dopo Veronica?

  • Operai al cimitero: la bara scivola, si rompe e fuoriesce la salma

  • La testa schiacciata tra la gru e il tetto: così è morto Antonio, padre di tre figli

  • Il dramma di Veronica: uccisa a 19 anni da una meningite fulminante

  • Troppa nebbia, esce di strada e finisce nel canale: muore annegato nella sua auto

  • Giovane padre ucciso dalla malattia: "Te ne sei andato troppo presto, proteggici da lassù"

Torna su
BresciaToday è in caricamento