Un malinteso scatena la maxi-rissa: pizzeria devastata da 9 persone

Maxi-rissa in pizzeria sabato sera a Soresina: coinvolte nove persone, tutti identificati e denunciati dai carabinieri. La lite scatenata da un malinteso

Botte da orbi in pizzeria, per uno spintone e un malinteso: è successo sabato sera a Soresina, al confine con Quinzano, in un locale di Via XX Settembre. I protagonisti della zuffa sono nove stranieri, giovani e meno giovani: sono stati tutti identificati e denunciati per rissa. A scatenare la furia dei presenti sarebbe stata una pacca sulla spalla male interpretata.

Botte e insulti per futili motivi

Un buffetto che un giovane egiziano avrebbe “restituito” a un cliente albanese dopo che questi, per sbaglio, lo aveva colpito con una gomitata. La serata era quasi finita, lo “scontro” si è scatenato al bancone del bar, quando gli avventori stavano pagando per andarsene. Ma è bastata una piccola scintilla, probabilmente condita da molto alcol, a scatenare la rissa.

Insulti e spintoni, prima di venire la mani. In pochi attimi sono in sei a litigare, divisi in due fazioni: da una parte il primo gruppetto di quattro egiziani, dall'altra il secondo di due albanesi. La cosa sembra finire quando gli albanesi si allontanano dal ristorante: ma è soltanto un break, perché tornano nel locale con altri tre amici. E la rissa comincia davvero.

Locale devastato dalla rissa

La pizzeria viene in gran parte danneggiata dalla violenta zuffa. Bicchieri e bottiglie rotte, tavoli e sedie ribaltati, perfino la vetrata d'ingresso distrutta, il bancone tutto da risistemare. La situazione si placa solo all'arrivo dei carabinieri, che non senza fatica riescono a bloccare i protagonisti della lite e a identificarli uno per uno.

Come detto, sono stati tutti e nove denunciati per rissa: tra gli egiziani un 23enne che abita proprio a Soresina, un 39enne di Calcinate, provincia di Bergamo, e un altro di Soresina, un 48enne di Annicco, provincia di Cremona. Tra gli albanesi un 23enne, un 29enne e un 49enne che abitano a Soresina, un 32enne di Formigara, un 35enne di Soncino.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (6)

  • Giargia’s stories

  • Paghino..... facile a dirsi. Se ci fosse la galera fino a estinzione del debito forse sì , ma attualmente li giudicheranno per "direttissima" (che serve a non far perdere tempo ai delinquenti ) e poi tutti fuori.

  • Se almeno si fossero scannati tutti a vicenda, avremmo risolto qualche problema... quel localaccio gestito da gentaglia con clienti monnezza, deve chiudere.

  • Avatar anonimo di Fragranza
    Fragranza

    Egiziani e albanesi... taccabrighe violenti e delinquenti. Espulsione definitiva è che restino al loro paese a fare questi atti violenti. Fuori dall'Italia.

  • Tutti nel termoutlizzatore... Loro e tutti i suoi amici..

  • Paghino tutti i danni e poi tornino a casa loro questi individui di cui non abbiamo alcun bisogno

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Bimbi abbandonati in auto, arrestati i genitori: lei si prostituiva, lui rapinava i clienti

  • Cronaca

    Accosta e chiede aiuto, muore a pochi passi dall’auto stroncato da un malore

  • Incidenti stradali

    Cade dalla moto per evitare il frontale: grave motociclista bresciano

  • Incidenti stradali

    Buono e generoso, imprenditore e padre di famiglia: il ricordo di Alberto

I più letti della settimana

  • L'auto distrutta in un groviglio di lamiere: lesioni cerebrali per il ragazzo alla guida

  • Scontro nella notte: quattro ragazzi feriti, uno non ce l'ha fatta

  • Tentata strage di bambini: a Brescia abusi sessuali su una ragazzina

  • Schianto in autostrada, schiacciato dalle lamiere: imprenditore muore sul colpo

  • Improvviso malore davanti ai colleghi di lavoro, muore il papà di tre bambini

  • Schianto in moto: Fulvio lascia la compagna e due figlioletti

Torna su
BresciaToday è in caricamento