Si veste come le amiche e rientra in ritardo: il padre la riempie di botte

L'espisodio in una casa al confine con la Bassa bresciana: una ragazza di 16 anni è stata picchiata dal padre perché arrivata in ritardo (e vestita all'occidentale)

Botte alla figlia (ancora minorenne) solo per un ritardo, e soltanto perché avrebbe voluto vestirsi all'occidentale, insomma come le sue amiche e coetanee: succede anche questo, purtroppo succede ancora, questa volta a Soresina. La vittima è una ragazzina di soli 16 anni, l'aggressore è il padre 58enne – di nazionalità marocchina – che è già stato fermato dai carabinieri. Potrebbe essere accusato di maltrattamenti e lesioni personali: se venissero confermate, rischierebbe fino a 6 anni di carcere.

La dinamica dell'accaduto

I carabinieri sono intervenuti sabato sera, a seguito della chiamata al 112 effettuata proprio dalla figlia. La giovane ha chiesto aiuto, raccontando ai militari di essere appena stata picchiata. Alla porta hanno trovato il padre, che però avrebbe negato quanto successo. “Mia figlia non è in casa”, avrebbe detto.

I militari sono però entrati lo stesso, e hanno trovato la ragazza stesa sul letto, in camera sua, con segni inequivocabili al volto (il padre le avrebbe sbattuto la testa contro il muro). Sarebbe stata colpita più volte, prima di riuscire a liberarsi e a chiamare aiuto. A quanto pare l'uomo avrebbe perso il controllo a causa del ritardo della figlia, rientrata a casa dopo l'orario pattuito.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Non solo: l'episodio sarebbe il culmine di una serie di minacce conseguenti alla volontà (espressa più volte dalla giovane) di uscire e comportarsi come le sue amiche e i suoi compagni di scuola. La ragazza è stata accompagnata in ospedale, se la caverà con pochi giorni di prognosi. Il padre invece è finito in caserma.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, primo focolaio bresciano: positivi 15 ragazzi, sono tutti in isolamento

  • Uccide una bimba travolgendola sulle strisce: padre di famiglia in manette

  • Tragico schianto sulla 45bis: auto schiacciata da un camion, morto il conducente

  • Animatore del grest positivo al coronavirus, bambini e ragazzi in isolamento

  • Bimba travolta e uccisa sulle strisce: l'automobilista si è costituito

  • Tetti distrutti, auto schiacciate dagli alberi: i 20 minuti d'inferno della tempesta

Torna su
BresciaToday è in caricamento