Ragazzino suicida, indagano i carabinieri: l’ombra di azioni persecutorie

In tantissimi al funerale del giovane Jonathan Furegon, il ragazzo di Sirmione di appena 18 anni che si è tolto la vita nella sua cameretta. I carabinieri hanno sequestrato il suo computer e il suo smartphone

Jonathan Furegon

Erano in tantissimi giovedì pomeriggio a Colombare di Sirmione per l'ultimo saluto al giovane Jonathan Furegon, trovato senza vita solo pochi giorni fa dai suoi genitori, mamma Mariluz e papà Vittorio, nella sua cameretta. La famiglia è originaria del Cile, lui è nato e cresciuto sul Garda: aveva appena 18 anni.

La comunità intera si unisce al cordoglio dei familiari. In chiesa c'erano anche tutti i suoi compagni di classe e di scuola: Jonathan frequentava l'istituto Dandolo di Lonato. A margine della tragedia, continuano le indagini dei carabinieri di Desenzano e Sirmione.

L'ipotesi al vaglio degli inquirenti è quella del cyber-bullismo: forse qualcuno (ripetiamo, è soltanto un'ipotesi) potrebbe aver spinto il giovane a togliersi la vita. Nessun capo d'accusa al momento, nessun fascicolo d'indagine per istigazione al suicidio: ma è comunque una pista che i militari stanno seguendo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza grave in ospedale per un'infezione: un altro caso dopo Veronica?

  • Operai al cimitero: la bara scivola, si rompe e fuoriesce la salma

  • La testa schiacciata tra la gru e il tetto: così è morto Antonio, padre di tre figli

  • Troppa nebbia, esce di strada e finisce nel canale: muore annegato nella sua auto

  • Ragazza di 16 anni in ospedale: "E' lo stesso Meningococco di Veronica"

  • Travolta e investita da un camion sulle strisce pedonali: donna muore sul colpo

Torna su
BresciaToday è in caricamento