Cibo a terra, sporcizia, muffa e frigo rotto: sequestrati 350 kg di carne

Blitz di Polizia Locale e Ats: nel mirino un furgone che riforniva di pollo e kebab alcuni locali del centro di Brescia

Foto d'archivio

La Polizia Locale di Brescia, con il supporto di Ats, ha sequestrato più di 350 chili di carne non correttamente conservata, e quindi potenzialmente pericolosa per la salute. Era a bordo di un furgone di una ditta di forniture che la stava consegnando ad alcune attività del centro: in particolare è stata sequestrata carne per kebab e carne di pollo.

A margine del sequestro alimentare è stato identificato e accompagnato al comando anche l’autista del furgone, risultato non in regola con il permesso di soggiorno. Il mezzo era attrezzato con una cella frigorifera, a norma solo sulla carta: non era mai stata revisionata, e ormai era “scaduta” (quindi doveva essere sostituita).

Muffa e sporcizia a bordo

Non solo: gli agenti della Locale nel verbali riferiscono di come probabilmente fosse rotta, o comunque mal funzionante, e poi anche “sporca” e “ammuffita”. A bordo del furgone è stata trovata anche della carne gettata a terra. Circostanze che hanno fatto scattare l’immediato sequestro della merce alimentare.

In tutto più di 350 chili, a seguito degli accertamenti di Ats che ne hanno verificato la cattiva e inadeguata conservazione. Anche il mezzo è stato sottoposto a fermo amministrativo: l’azienda proprietaria del furgone è stata multata per 4000 euro per varie violazioni, tra cui alle norme sanitarie.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Serpente di un metro e mezzo in classe: panico tra i bimbi della scuola elementare

  • Parcheggia l'auto, poi cammina in mezzo all'autostrada: ucciso da un tir

  • Fabio Volo nella bufera per i commenti su Ariana Grande: la sua replica

  • Attraversa l'autostrada, ucciso da un tir: famiglia devastata, era padre di due bimbi

  • Aperitivi e cocaina: arrestato barista, chiuso il locale

  • Orrore davanti a turisti e passanti: donna si mozza un dito al porto

Torna su
BresciaToday è in caricamento