"La ragazza è incinta!", volano calci e pugni tra le famiglie degli sposi

Maxi rissa a San Zeno Naviglio. Sul posto sono intervenuti i carabinieri

Foto di repertorio

Si erano incontrate per mettersi d'accordo sul matrimonio dei loro rispettivi 'rampolli', ma - invece di discutere di confetti e di portate al ristorante - tra due famiglie rom sono volati calci e pugni. E' successo domenico a San Zeno Naviglio, dove abita la sposa, e un gruppo di uomini proveniente da Treviso, parenti dello sposo. 

A intervenire per sedare la rissa sono stati i carabinieri, ma - al loro arrivo - sul "campo di battaglia" erano rimasti solo i trevigiani. Ad avere la peggio è stato il padre dello sposo, per il quale è stato necessario il ricovero in ospedale.

Ancora non è chiaro il motivo dell'aggressione, ma, dalle prime informazioni trapelate, pare sia stata una sospetta gravidanza delle ragazza tenuta nascosta a familiari dello sposo. Gli anziani dei rispettivi gruppi rom, come succede in questi casi, interverranno per cercare di sanare lo scontro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza grave in ospedale per un'infezione: un altro caso dopo Veronica?

  • Operai al cimitero: la bara scivola, si rompe e fuoriesce la salma

  • La testa schiacciata tra la gru e il tetto: così è morto Antonio, padre di tre figli

  • Il dramma di Veronica: uccisa a 19 anni da una meningite fulminante

  • Terribile schianto sulla Statale: Paolo non ce l'ha fatta, è morto in ospedale

  • Si sente male all'Università, poi la situazione precipita: ragazza muore di meningite

Torna su
BresciaToday è in caricamento