Portici e negozi ostaggio di bulletti e baby-gang: paura per una ragazza di 25 anni

A breve cambierà sede il negozio DanzArte di Largo Dante Alighieri, i portici della stazione degli autobus di Salò: troppa la paura tra minacce e baby-gang

I portici della stazione degli autobus di Salò sono ostaggio di bulletti e baby-gang: lo scrive il Giornale di Brescia, nel raccontare dell'ormai prossimo trasferimento del negozio DanzArte, specializzato nella vendita di abbigliamento e accessori per danza e ballo. Aperto poco più di tre anni fa, presto si sposterà (ma resterà sempre in paese) per una situazione definita “insostenibile” dai proprietari.

L'ultimo episodio il 28 novembre scorso, quando la figlia 25enne della titolare è stata minacciata da un gruppetto di balordi. Tutti ragazzi, e tutti giovanissimi: gli stessi che scorrazzano in zona ogni giorno, se la prendono con i coetanei, infastidiscono i passanti e i negozianti di Largo Dante Alighieri.

Una situazione che si protrae da tempo: a nulla sono serviti i controlli più serrati di Carabinieri e Polizia Locale. Fino all'ultimo episodio, di un paio di settimane fa: la giovane era da sola in negozio, nel pomeriggio.

"Terrore e minacce"

E' stata avvicinata dai bulletti, che l'hanno presa in giro, insultata e minacciata. Per la ragazza sono stati attimi di terrore puro: la goccia che ha fatto traboccare il vaso. E così la mamma, che è titolare del negozio, ha chiesto alla parrocchia (proprietaria dell'immobile) di poter rescindere immediatamente il contratto d'affitto.

“Abbiamo paura di essere aggredite – spiega proprio la mamma – e con questo clima di tensione e mancanza di sicurezza siamo costrette, nostro malgrado, a dover abbandonare il locale. Con le conseguenze di un futuro di precarietà, dispendio economico e danno d'immagine”. DanzArte è un marchio storico della piazza salodiana: probabilmente riaprirà da un'altra parte del paese.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (9)

  • L’amministrazione E le forze dell’ordine(nostri dipendenti) dovrebbero vergognarsi se le cose stanno veramente cosi.

  • Ma c’è qualcosa che nn quadra in questa storia??!!!!

  • 4 bulletti fanno tutto sto casino?allora buttiamoli giù nel lago facciamo prima con questa spazzatura!!!

    • Un paio di bastoni , un angolo buio... Presi uno alla volta... E Salò torna a splendere.

  • Anche io concordo con Fragranza e lo dico anche per esperienza personale purtroppo. Non esiste l'essere ostaggio di ragazzini balordi che si sentono legittimati a far qualsiasi cosa perchè tanto nessuno li toccherà mai, ecco pronti i futuri delinquenti seriali, e la colpa sarà ovviamente loro e delle loro famiglie in primis, ma anche di chi se ne è lavato le mani e ha lasciato correre finchè poi succede qualcosa di grave e allora tutti a domandarsi il perchè e a tirar fuori i soliti luoghi comuni sul degrado della società. Ci sono tantissimi mezzi e se veramente il luogo è circoscritto e si tratta sempre dello stesso gruppetto, nel giro di poco tempo è impossibile non risalire all'identità di queste persone.

  • Una parola per certa gente. OBITORIO

  • Il negozio non chiuderà, cambierà sede, rimanendo sempre operativo nella città di Saló.

  • Concordo con te Fragranza.

  • Faccio molta fatica a credere che "controlli serrati da parte di Carabinieri e polizia locale" non siano serviti a molto... mi è più facile credere che di controlli non ce ne siano proprio. Non si parla di un punto imprecisato di Salò, bensì di una zona circoscritta e ben precisa. Sono certo che controlli seri avrebbero portato a grandi risultati. L'amministrazione si deve fare un esame di coscienza.

Notizie di oggi

  • Elezioni

    Diretta Comunali ed Europee 2019. Aggiornamenti e affluenza

  • Cronaca

    Ciclabile verso la Valtellina: il sogno si avvera

  • Cronaca

    Baby gang in centro: 16enne colpito con un pugno al volto

  • Cronaca

    Cade in chiesa e batte la testa, gravissima una donna

I più letti della settimana

  • Professore si suicida in palestra, il corpo trovato da due studenti

  • Si affaccia alla finestra di casa e precipita per 12 metri: muore bimba di 9 anni

  • Stroncata dalla malattia, muore madre di famiglia: il dolore di figli e marito

  • Al volante ubriaco dopo un matrimonio, si schianta in auto con i tre figli piccoli

  • Grandine e nubifragi nel Bresciano: strade allagate, traffico nel caos

  • "Ucciso dai nipoti e messo in un sacco per far sparire il cadavere"

Torna su
BresciaToday è in caricamento