Possesso di armi: 5 fratelli Sallaku in carcere, due mogli ai domiciliari

Nuovi guai per la famiglia, a causa di una valigetta contenente tre pistole ritrovata in un'intercapedine ricavata in un muro nel garage

Immagine di repertorio

Sette ordinanze di custodia cautelare in un colpo solo. La colpa è tutta di una valigetta contenente tre pistole ritrovata in un'intercapedine nel garage dell'abitazione di Sale Marasino. Saimir, Gezim (presidente del Darfo Calcio), Isuf, Gazmir e Taulant: ieri mattina è stata emessa un'ordinanza di custodia cautelare a danno di tutti e cinque i fratelli Sallaku (Samir si trovava già in carcere). Assieme a loro sono finite nei guai due delle mogli, ora agli arresti domiciliari. 

La vicenda parte dal ritrovamento, avvenuto a novembre, di una valigetta contenente 3 pistole - perfettamente funzionanti - nascosta in un'intercapedine nel garage della villa di famiglia a Sale Marasino. Per questo i fratelli finirono già in carcere una prima volta, ma pochi giorni dopo furono rilasciati, a parte Saimir che si assunse tutte le responsabilità, dichiarò di avere trovato la valigetta in un appartamento in ristrutturazione a Brescia, e di non aver coinvolto i fratelli. 

Grazie ad un'intensa attività investigativa, e anche grazie ad alcune intercettazioni, si è scoperto che in realtà tutti i fratelli sapevano delle pistole. Per lo stesso motivo anche due mogli sono ai domiciliari. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (3)

  • Che schifo di gente !!!

  • Questa feccia va rimandata a casa

  • Che domiciliari! Fuori dalle balle all’istante

Notizie di oggi

  • Attualità

    Dove l'aria è irrespirabile: Brescia è la città più inquinata d'Italia

  • Attualità

    In paese nuove telecamere per leggere le targhe: investimento da 80mila euro

  • Attualità

    "Sembra tutto così irreale, la nostra bimba ancora non sa che la mamma è morta"

  • Cronaca

    Listeria nell'insalata "Capricciosa", tre lotti contaminati ritirati dal mercato

I più letti della settimana

  • Cadavere carbonizzato: ad uccidere Stefania è stata la rivale in amore

  • "Hai fatto sesso con la mia fidanzata": pistola in pugno, rapisce un operaio e lo porta nei boschi

  • "Ti amo" e una rosa rossa: così ha attirato Stefania nella trappola mortale

  • Massacrata con 4 martellate, bruciata con la benzina: "La festa è andata bene"

  • Timbra il cartellino, ma intanto se la spassa al ristorante: licenziata in tronco

  • Relazione con Giancarlo Magalli? Giada smentisce tutto: "Solo amicizia"

Torna su
BresciaToday è in caricamento