Il direttore della banda se ne va: tutti in piedi come ne "L’Attimo Fuggente"

Concerto di Natale con polemica a Rovato: il direttore della banda del paese, Giulio Piccinelli, annuncia di voler lasciare per divergenze con sindaco e assessore. Tutta l'orchestra si alza in piedi al grido di "Oh capitano, mio capitano"

La scena finale de L’Attimo Fuggente

“Ringrazio tutti e saluto. Dopo 6 anni tolgo il disturbo”. Queste le parole del maestro Giulio Piccinelli, la “guida” della banda Luigi Pezzana di Rovato e che durante il consueto appuntamento con il concerto di Natale ha deciso di lasciare, ma con un colpo di scena.

Una mossa inaspettata per i tanti presenti, sindaco e assessori compresi, ma pure il consiglio direttivo della banda. Ma ancor più inaspettata è stata la reazione dei musicisti: gli orchestrali, uno ad uno, si sono alzati in piedi al grido di “Oh capitano, mio capitano”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In tanti ricorderanno la scena topica del film “L’attimo fuggente”, pellicola dove tre i protagonisti c’era Robin Williams, professore “ribelle” che decide di dare una scossa agli animi degli studenti di una scuola conformista e dagli ideali reazionari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto mortale: Giulia e Claudia uccise dalla sbandata improvvisa di un'Audi

  • Terribile incidente: ciclista sbanda e muore schiacciato da un camion

  • Nuovo supermercato dopo il lockdown: sarà aperto tutti i giorni fino alle 22

  • Si butta dalla finestra di casa, giovane uomo muore suicida

  • Brescia: tutte le attività commerciali aperte e che fanno consegna a domicilio

  • Coronavirus: Brescia è la prima provincia italiana per nuovi contagi

Torna su
BresciaToday è in caricamento