Chiede gli arretrati, viene preso a pugni in faccia dal datore di lavoro

Vittima della brutale aggressione un 34enne dipendente di un negozio di frutta e verdura a Rovato. Il giovane ha riportato diverse lesioni al volto ed è stato ricoverato all'ospedale di Chiari

Foto d’archivio

ROVATO. Una richiesta legittima, il pagamento degli stipendi arretrati, sembra essere stata la causa della violenta lite, poi sfociata in un’aggressione, che si è verificata verso le 19 di domenica all’intero di un negozio di frutta e verdura a Rovato. Protagonisti dell’animato diverbio un dipendente, di 34 anni, e il titolare dell’ortofrutta. 

Alla richiesta avanzata dal giovane uomo di ricevere gli stipendi arretrati, il titolare dell’attività avrebbe reagito in malo modo, ricorrendo pure alle mani. Il 34enne sarebbe stato colpito ripetutamente e con violenza, riportando parecchie ferite al volto e alle braccia. 

Per mettere fine al pestaggio è intervenuta una pattuglia della Polizia Locale, che ha fornito la versione di quanto accaduto e che adesso indaga per approfondire i dettagli della vicenda. Sul posto è giunta anche un’ambulanza, che ha prestato le prime cure al 34enne, poi trasferito all’ospedale di Chiari, dov’è stato medicato e sottoposto alle cure del caso. 

In queste ore gli agenti della Locale stanno cercando di rintracciare vittima dell’aggressione, che si è resa irreperibile, perché denunci la violenza subita. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lo schianto col tir, poi l'inferno: manager d'azienda muore carbonizzato nella sua auto

  • Due sorelle, lo stesso tragico destino: uccise dal cancro a distanza di 20 giorni

  • Brescia, morta Leontine Martin: era al vertice di un'azienda da mezzo miliardo di euro

  • Terribile schianto all'incrocio: motociclista muore in ospedale

  • Maltempo, arriva forte peggioramento: pioggia e abbondanti nevicate

  • Investita mentre va in pizzeria con la famiglia, muore madre di tre figli

Torna su
BresciaToday è in caricamento