Schiaffi, calci, spintoni e danni al locale: sei donne denunciate per rissa

Forse un involontario spintone all'origine del clamoroso litigio tra sei donne. Oltre ad essersi fatte male, le protagoniste hanno provocato diversi danni

Immagine simbolica. Fonte: web

Il caldo, il nervosismo, qualche bicchiere di troppo: per motivi a quanto pare futili tra sei ragazze è scoppiata una violenta rissa che ha lasciato sul campo feriti e danni economici non irrilevanti. È successo a Gardone Valtrompia, in un pub, lo racconta il quotidiano Bresciaoggi in edicola stamane. 

Il fatto è successo in settimana, e vede come protagoniste sei donne di età compresa tra i 17 e i 30 anni. Forse per un involontario spintone, le donne hanno iniziato a discutere, ma dalle parole sono passate velocemente alle mani. La cronaca parla di schiaffi, spintoni, calci, il tutto a quanto pare con una buona dose di violenza visto che alcune delle donne sono dovute recarsi al pronto soccorso per farsi medicare (in particolare, una delle "combattenti" è finita in ospedale a Ome per una lesione ad una gamba). 

Durante la rissa, proseguita fuori dal pub, le donne hanno mandato in frantumi la porta a  vetri di un esercizio commerciale, prima di disperdersi. Per identificarle, gli agenti della Polizia locale di Gardone hanno incrociato i dati di accesso dei pronto soccorso degli ospedali con i post su Facebook e Instagram e con le immagini delle videocamere di sorveglianza della zona. Tutte e sei le protagoniste sono state denunciate per rissa aggravata e danneggiamento aggravato in concorso. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Devi far sesso con me, ma voglio i soldi": si rifiuta, lei lo butta giù dalla finestra

  • Tragico infortunio sul lavoro: morto giovane operaio

  • Da pochi mesi in Indonesia, morto a 42 anni Davide Savelli

  • Le prime cinque aziende bresciane per fatturato

  • E' morto Menec: la sua storica trattoria meta di celebrità e calciatori

  • Dona 6,6 milioni di euro: il gesto d'amore per il nuovo polo oncologico

Torna su
BresciaToday è in caricamento