Botte da orbi tra colleghi, in officina arriva la polizia: due in ospedale

Botte da orbi tra colleghi di lavoro martedì pomeriggio in Via Triumplina: due colleghi finiscono in ospedale dopo la zuffa. L'intervento della Polizia di Stato

Foto di repertorio

Botte da orbi (tra colleghi di lavoro) in un'officina di Via Triumplina: i protagonisti due dipendenti della ditta, entrambi di 39 anni, che a furia di darsele sono finiti entrambi in ospedale. Ma per placare i loro animi agitati si è reso necessario l'intervento di una volante della Polizia di Stato.

L'allarme è stato lanciato proprio dall'officina, poco prima delle 15 di martedì: in pochi minuti sul posto si sono precipitati gli agenti della Questura. Da una prima ricostruzione, pare che i due colleghi abbiano cominciato a discutere animatamente proprio su questioni di lavoro.

Un disaccordo così acceso che in tempi rapidissimi si è passati dalle parole ai fatti, o meglio alle mani: i due hanno così cominciato a picchiarsi tra loro. E solo la vista degli uomini in divisa li ha fatti desistere.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Niente di grave, per fortuna, ma sono stati entrambi accompagnati in ospedale (uno alla clinica Sant'Anna e l'altro al Città di Brescia) con qualche botta ed escoriazione, e subito dimessi. Certo la vicenda potrebbe non finire qui: non si esclude che uno dei due possa sporgere denuncia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giovane papà stroncato dal Coronavirus: Alessandro aveva solo 48 anni

  • Coronavirus: giovane direttrice di banca trovata morta in casa dal fratello

  • Economia bresciana in lutto: nello stesso giorno muoiono due imprenditori

  • Coronavirus in provincia di Brescia: morti e contagi Comune per Comune

  • Coronavirus, nel Bresciano 274 contagi e 69 decessi nelle ultime 24 ore

  • "Hai combattuto da eroe": addio a Marco, morto a soli 43 anni

Torna su
BresciaToday è in caricamento