Rapinatore evade dalla comunità e si rifugia da amici: ora è in carcere

Dopo aver lasciato la struttura dove era ai domiciliari, non si avevano sue notizie dal 23 giugno. Si era rifugiato in casa di amici

Rapina aggravata e lesioni, e furto: sono queste le accuse per le quali un pakistano di 25 anni è stato condannato ai domiciliari. Dopo un breve periodo di osservanza del provvedimento, lo scorso 23 giugno il giovane ha però fatto perdere le proprie tracce. Nelle scorse ore il Nucleo criminalità diffusa della Squadra mobile è riuscito a individuarlo e portarlo in carcere. 

Protagonista dei fatti è un ragazzo classe 1994 di origine pakistana. Dopo aver messo segno le rapine, aggravate dalle lesioni procurate alle vittime, alcuni minori e altri giovani raggiunti e colpiti nei pressi del centro commerciale Freccia Rossa, e un furto di preziosi - sottratti a un connazionale - del valore di 30mila euro, il 25enne è finito davanti al giudice che per lui ha stabilito gli arresti domiciliari presso una comunità. 

Dalla comunità però il ragazzo è scappato, ma la latitanza è durata solo un paio di settimane. La misura cautelare degli arresti domiciliari è stata sostituita con quella della custodia in carcere, emessa dal Tribunale di Brescia.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lastre di cemento sfondano la cabina del tir: strada chiusa e caos traffico

  • Scende dal bus e attraversa la strada: ragazzino travolto sotto gli occhi degli amici

  • Addio Elisabetta, una lunga lotta contro il cancro: "Sei stata un esempio per tutti"

  • Ucciso dalla malattia, addio al giovane Davide: "Lascia dei ricordi bellissimi"

  • Tragico incidente mentre torna a casa dal lavoro: muore padre di famiglia

  • Malore al volante, si schianta nel campo e muore: a bordo dell'auto anche moglie e amici

Torna su
BresciaToday è in caricamento