Suv come ariete, il bancomat salta: via con il bottino da migliaia di euro

Colpo grosso nella notte tra sabato e domenica a San Martino della Battaglia: i malviventi sfondano la vetrata della Banca Popolare di Vicenza e si portano via (quasi) per intero il bancomat. Bottino consistente

Non è stata una bomba ma un piccolo Suv a sfondare la vetrata d'ingresso della Banca Popolare di Vicenza, in Piazza della Concordia a San Martino della Battaglia, frazione di Desenzano. Malviventi nella notte di sabato: grazie alla forza dell'urto sono riusciti a sradicare l'intero sportello automatico, portandosi via poi la piccola cassa del bancomat. Al suo interno svariate migliaia di euro.

Soldi che potrebbero essere stati però macchiati dal meccanismo automatico di tutela che rende inutilizzabili le banconote. Sta di fatto che alla filiale della Popolare i danni sono parecchi: forse soltanto martedì riaprirà i battenti al pubblico, all'interno serviranno interventi per alcuni migliaia di euro.

Tutto è successo intorno alle 2: un boato che riecheggia tra i residenti, un piccolo Suv scuro utilizzato come ariete per sfondare vetri e bancomat. I malviventi che poi scappano, forse utilizzando un'altra automobile d'appoggio, ma che nel frattempo vengono avvistati dai residenti della piazza.

Indagano i Carabinieri: verranno tenuti d'occhio anche i filmati delle telecamere di videosorveglianza. Non è la prima volta che il bancomat di San Martino 'salta': qualche mese fa ci avevano provato con una miscela d'esplosivo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Notte da incubo dopo la pizza? Ecco perché ci viene così tanta sete

  • Incidente stradale a Dello: morto Alex Tanzini di 38 anni

  • In bicicletta sull'autostrada A4: muore sul colpo travolto da un'auto

  • Il tragico destino di Sara, stroncata dalla malattia a soli 27 anni

  • Brutalmente ammazzata dal marito, niente sepoltura: "Lui non lo permette"

  • Massacrata di botte la fidanzata: la crede morta e brucia l'appartamento

Torna su
BresciaToday è in caricamento