Banditi armati di taser e pistola, spaventosa rapina all'ufficio postale

Rapina a mano armata all'ufficio postale di Via Spalenza a Rovato: banditi in fuga con 1.500 euro. Non si esclude si tratti della stessa banda di Cazzago

Foto di repertorio

“Mani in alto: questa è una rapina”. Hanno fatto irruzione all'ufficio postale con il più classico degli slogan: erano armati di pistola e taser. E' successo martedì sera a Rovato, alle Poste di Via Ettore Spalenza: i rapinatori sono fuggiti con un bottino (forse) di circa 1.500 euro. Sull'accaduto indagano i carabinieri, che al momento non escludono si possa trattare della stessa banda che ha già colpito solo pochi giorni fa anche a Cazzago San Martino.

Si tratterebbe di una coppia di giovani italiani, a cui si aggiungerebbe un terzo complice pronto ad aspettarli in macchina poco lontano. Al vaglio degli inquirenti anche le immagini delle telecamere di videosorveglianza posizionate in zona, e quelle dei varchi stradali in entrata e in uscita al paese.

Il blitz dei banditi poco prima delle 19

I banditi sono entrati in azione intorno alle 19, quando mancavano pochi minuti all'orario di chiusura. Come detto, erano armati: mentre il primo rimaneva sulla soglia, il secondo si è precipitato alle casse, minacciando i dipendenti (in quel momento c'erano sei persone).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il rapinatore, pistola in pugno, pretendeva che la cassiera gli aprisse immediatamente la cassaforte: ma come già successo a Cazzago, il forziere è temporizzato e dunque impossibile da aprire. Quindi si è dovuto accontentare dell'incasso di giornata: dalle prime stime pare si tratti di una cifra compresa tra i 1.000 e i 1.500 euro. Poi la fuga, approfittando del buio della sera.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Una famiglia distrutta dal Coronavirus: in 20 giorni sono morti tre fratelli

  • Ingerisce una batteria e rimane soffocata: morta bimba di tre anni

  • Coronavirus in provincia di Brescia: morti e contagi Comune per Comune | 2 aprile 2020

  • "Nella mia Brescia tragedia di proporzioni devastanti: i nonni non ci sono più"

  • Coronavirus in provincia di Brescia: morti e contagi Comune per Comune | 4 aprile 2020

  • Coronavirus in provincia di Brescia: morti e contagi Comune per Comune | 3 aprile 2020

Torna su
BresciaToday è in caricamento