Pontoglio: rapina finita nel sangue, arrestati due ladri 20enni

Ad essere fermati due cittadini albanesi: sono accusati di omicidio preterintenzionale e rapina aggravata

Hanno un volto i presunti responsabili della rapina che, lo scorso 7 luglio, è costata la vita al 53enne di Pontoglio Pietro Raccagni. I carabinieri di Chiari hanno infatti arrestato Pjeter Lleshi, fermato a Jesolo mentre programmava altri colpi, e Vlashi Anton, entrambi cittadini albanesi, accusati di omicidio preterintenzionale e rapina aggravata.

I militari stanno cercando di rintracciare i complici di una banda che aveva il covo a Cividate al Piano, in provincia di Bergamo. Le rapina in villa accertate sono almeno due.

Raccagni è morto in ospedale dopo 11 giorni di agonia. Stando a un'ultima ricostruzione di quanto avvenuto quella notte (non ci sono testimoni), sembra che l'uomo abbia sbattuto la testa sulla rampa del garage, dopo aver perso i sensi colpito da una bottiglia di vetro. Spiega il colonnello Giuseppe Spina, comandante provinciale dei carabinieri di Brescia: "Dalle intercettazioni emerge una mancanza totale di rimorso per quanto accaduto".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "L'ha massacrata a mani nude, poi è andato al bar": il killer è appena diventato papà

  • Baci alla ragazza, finisce a processo: "Non sapevo avesse appena 12 anni"

  • Nipote 43enne muore dieci giorni dopo la zia: lavoravano nello stesso negozio

  • La tragica fine di Francesca: picchiata e strangolata al parco pubblico

  • Strangolata al parco: fermato ragazzo di 29 anni, è accusato di omicidio

  • Malore al bar: si accascia a terra e muore sotto gli occhi di barista e clienti

Torna su
BresciaToday è in caricamento