Giallo della morte di Jessica: sangue trovato nella casa dell'amico

I reparti della Scientifica dei carabinieri hanno recuperato tracce ematiche riconducibili a Jessica Mantovani, morta a 37 anni il 13 giugno scorso

A quanto pare sarebbe stato lui l’ultimo ad averla vista viva: su di lui, inevitabili, i sospetti dei carabinieri. Ma adesso le indagini sono forse arrivate a una svolta: sul divano di casa i militari hanno recuperato tracce ematiche riconducibili a Jessica Mantovani, la giovane donna di 37 anni che il 13 giugno scorso era stata trovata senza vita tra le griglie della centralina idroelettrica di Prevalle.

Inizialmente si pensava a un suicidio, ma dai successivi accertamenti erano emersi dei segni alla testa, come fosse stata colpita. Le ipotesi si sprecano, ancora oggi: Jessica potrebbe essere caduta oppure stata gettata nel fiume. Nel frattempo è stato aperto un fascicolo per omicidio: l'unico indagato è l'amico Giancarlo Bresciani, residente a Prevalle.

A casa dell’amico la sera prima di morire?

Proprio nella sua casa di Prevalle si sarebbe trovata Jessica, la sera prima della sua morte. La 37enne, che abitava a Villanuova sul Clisi, avrebbe chiamato il padre per farsi venire a prendere. Quando qualche minuto più tardi il padre avrebbe richiamato a casa di Bresciani, sarebbe stato lui a dirgli che la figlia ormai se n’era andata.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’abitazione di Bresciani è stata passata al setaccio dai carabinieri della Sis, la Sezione investigazioni scientifiche, e del Ris, il Reparto investigazioni scientifiche. E’ in quell’occasione che sono state rinvenute tracce di sangue sul divano. Pare che Bresciani si sia giustificando dicendo che la ragazza era spesso a casa sua. Ma la sua posizione inevitabilmente si complica.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, primo focolaio bresciano: positivi 15 ragazzi, sono tutti in isolamento

  • Tetti distrutti, auto schiacciate dagli alberi: i 20 minuti d'inferno della tempesta

  • Cadavere in montagna: risolto il 'mistero' dell'escursionista trovato morto

  • Padre di famiglia cerca una prostituta ma si trova a letto con un trans, rissa nel residence

  • Un bimbo si sente male, al grest di paese un sospetto caso di coronavirus

  • Ubriaco al volante dell'auto, scappa dalla polizia ma finisce la benzina

Torna su
BresciaToday è in caricamento