Foto di proiettili e coltelli all'ex fidanzata, porte e finestre distrutte a martellate

Maltrattamenti, botte e minacce sono andate avanti per mesi. Pure la madre lo aiutava a perseguitare l'ex compagna.

Foto d'archivio

Non si rassegnava alla fine della storia, chiusa proprio per l'abitudine ad alzare le mani sulla compagna, ed ha cominciato a perseguitare la sua ex fidanzata. Minacce, pedinamenti, appostamenti continui, messi in atto pure grazie all'aiuto di sua madre, tanto che anche la donna è finita nei guai ed è stata destinataria di un'ordinanza di divieto di avvicinamento alla vittima. Per il figlio invece, un 39enne di Pozzolengo, sono scattate le manette e si sono aperte le porte del carcere. 

Un'escalation di violenza e terrore fermata dai carabinieri di Sirmione, ai quali la vittima, che viveva nel terrore di essere costantemente pedinata e osservata dall'ex, si era rivolta per mettere fine all'incubo iniziato lo scorso novembre. Perseguitata anche dopo aver lasciato l'appartamento di Sirmione, dove viveva insieme all'ex, per trasferirsi a Lazise: lui si era presentato armato di martello fuori dalla nuova abitazione di lei, colpendo porte e finestre e facendo numerosi danni. Non solo: il 39enne la tempestava di telefonate minatorie e le inviava foto di coltelli e proiettili.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Raccolte le denunce, i militari hanno seguito il rapido e drammatico evolversi degli eventi mettendo insieme elementi e prove utili alla magistratura per emanare un'ordinanza di custodia in carcere e porre finalmente fine a molestie e persecuzioni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lombardia, la nuova ordinanza: via la mascherina all'aperto

  • Tetti distrutti, auto schiacciate dagli alberi: i 20 minuti d'inferno della tempesta

  • Cadavere in montagna: risolto il 'mistero' dell'escursionista trovato morto

  • Un bimbo si sente male, al grest di paese un sospetto caso di coronavirus

  • Ubriaco al volante dell'auto, scappa dalla polizia ma finisce la benzina

  • Coronavirus, nuova allerta: ragazzo positivo al grest, tamponi e isolamento per tutti

Torna su
BresciaToday è in caricamento