Pontoglio: ancora una rapina dopo la morte di Pierino Raccagni

Ancora criminalità nel paese in cui è morto il salumerie che cercava di fermare i ladri entrati nella sua abitazione. Colpito il bar "Pinoto", assalito a picconate

Non c'è pace a Pontoglio, nemmeno dopo il decesso del salumiere Pierino Raccagni, morto il 19 luglio per le ferite riportate nel tentativo di fermare i ladri entrati nella sua abitazione.

La criminalità sembra continuare a prosperare indisturbata. Vittima, stavolta, il bar al parco del laghetto, il "Pinoto".

La scorsa settimana, i malviventi hanno fatto irruzione in otto. Arrivati a bordo di un furgone per muratori, hanno letteralmente abbattuto un muro a colpi di piccone, facendo poi razzia all'interno, puntando soprattutto ai soldi presenti nelle slot machine. Il locale in quel momento era chiuso: i ladri hanno potuto agire indisturbati, nessuno si è accorto di nulla, sebbene l'intera operazione sia stata ripresa dalle telecamere.

La titolare Sara Tonetti fino a due anni fa gestiva un bar vicino alla stazione assieme al marito, prima di prendere la decisione di trasferirsi al parco. Ora si dice sconsolata: "E' il sesto colpo che subisco, cinque dei quali sono andati a segno".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Notte da incubo dopo la pizza? Ecco perché ci viene così tanta sete

  • Incidente stradale a Dello: morto Alex Tanzini di 38 anni

  • In bicicletta sull'autostrada A4: muore sul colpo travolto da un'auto

  • Il tragico destino di Sara, stroncata dalla malattia a soli 27 anni

  • Brutalmente ammazzata dal marito, niente sepoltura: "Lui non lo permette"

  • Massacrata di botte la fidanzata: la crede morta e brucia l'appartamento

Torna su
BresciaToday è in caricamento