Sgominata la banda dell’omicidio Raccagni: arrestato il quarto complice

Arrestato in Albania il quarto componente della banda che nel luglio scorso uccise il macellaio di Pontoglio Pietro Raccagni: in manette il 28enne Egren Cullhaj

Pietro Raccagni

Il cerchio si chiude, questa volta per davvero. Il Servizio di Cooperazione Internazionale di Polizia – a cui hanno partecipato anche i Carabinieri di Brescia – e in particolare l’Interpol di Tirana ha provveduto all’arresto dell’ultimo componente della banda che nel luglio scorso aveva ferito mortalmente il macellaio di Pontoglio Pietro Raccagni, che aveva provato a rispondere ai malviventi nel corso di una rapina in casa.

Raccagni è morto undici giorni più tardi, in ospedale, dopo una lunga agonia. Ora il quadro è completo: in manette anche il 28enne albanese Egren Cullahj, l’ultimo che mancava all’appello della banda dei quattro. Due erano stati arrestati in tempi rapidi, i cugini Pjeter e Vitor Leshi, qualche mese più tardi in manette ci era finito pure il terzo complice, Vlashi Anton.

La banda dei quattro albanesi, oltre che dell’omicidio di Pietro Raccagni, dovrà rispondere della vasta gamma di rapine compiute, in varie ville tra l’ovest bresciano e il primo oltreconfine bergamasco: in tutto più di una decina di atti criminosi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "L'ha massacrata a mani nude, poi è andato al bar": il killer è appena diventato papà

  • Baci alla ragazza, finisce a processo: "Non sapevo avesse appena 12 anni"

  • Nipote 43enne muore dieci giorni dopo la zia: lavoravano nello stesso negozio

  • La tragica fine di Francesca: picchiata e strangolata al parco pubblico

  • Strangolata al parco: fermato ragazzo di 29 anni, è accusato di omicidio

  • Malore al bar: si accascia a terra e muore sotto gli occhi di barista e clienti

Torna su
BresciaToday è in caricamento