Imprenditore chiede il porto d'armi, il Consiglio di Stato lo nega

Dopo anni di contenzioso, sembra arrivata la parola "fine", un titolare d'azienda dovrà rinunciare ad avere un'arma

La vicenda parte da lontano, addirittura nel 2008, e nei giorni scorsi sembra essere arrivata alla fine. Il titolare di una grossa azienda di Pian Camuno, in Valle Camonica, ha chiesto per motivi legati alla sicurezza personale di poter avere il porto d'rami. Dopo 10 anni di iter, il Consiglio di Stato ha detto definitivamente di no. 

Nel 2008, a causa di una serie di furti avvenuti in aziende del territorio, tra le quali la sua, l'imprenditore decise di chiedere il porto d'armi per potersi difendere - in caso di bisogno - con una pistola. Il Prefetto rigettò la richiesta, ritenendo ingiustificati i motivi dell'imprenditore che, per nulla scoraggiato, si rivolse al Tar. Quattro anni dopo, nel 2012, il Tribunale Amministrativo si espresse a favore dell'uomo, ma il Ministero dell'Interno si mise di traverso, chiedendo l'intervento del Consiglio di Stato. 

Dopo altri 6 anni, nei giorni scorsi è arrivato il pronunciamento: ad eccezione delle forze dell'ordine, non c'è alcuna categoria professionale per la quale il rischio professionale giustifica a priori la concessione del porto d'armi, che non rappresenta un "diritto assoluto ma invece un'eccezione al normale divieto di portare pistole". L'imprenditore dovrà pagare le spese di giudizio, pari a 1.500 euro. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (4)

  • Il porto d'armi fu reso obbligatorio da Mussolini durante il periodo fascista. Come si vede ancora abbiamo molto da fare per diventare un vero stato liberale .

  • la difesa spetta alle forze dell'ordine...non siamo nel far-west...o almeno si spera.. Questo ringrazierà i giudici un giorno...gli avranno evitato di sparare al vicino di casa o alla moglie scambiata per un ladro....

  • se poi succede qualcosa di brutto, di chi è la colpa? povera Italia.

  • ovvio che in italia non ci si puo difendere.....

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Folle sulla Provinciale: beccato dall'autovelox a più di 170 chilometri all'ora

  • Economia

    Un pezzo del paese che se ne va: dopo più di 30 anni chiude lo storico supermarket

  • Cronaca

    Sotto i vestiti nasconde un pugnale affilatissimo, giovane nei guai

  • Incidenti stradali

    Non vede i cartelli, il camion è troppo alto: incastrato per tre ore nel sottopassaggio

I più letti della settimana

  • Tragedia in casa: ragazza non risponde ai familiari, i pompieri la trovano morta

  • Incidente a Calvagese della Riviera: morti Marco Cioccarelli e Alessandro Giuliani

  • Marco e Alessandro, tra sogni e ricordi: due giovani vite spezzate troppo presto

  • Ragazzo si accascia sul volante e muore mentre guida: aveva soltanto 28 anni

  • Ambra senza filtri sull'ex: "Renga? Complicato vivere vicini, ma sa farmi ridere"

  • Blocca una bambina in strada e le mostra il pene: condannato operaio bresciano

Torna su
BresciaToday è in caricamento