Fumo e fiamme sul battello in mezzo al lago: paura per 145 passeggeri

Nessun ferito, e situazione sempre sotto controllo: ma paura e preoccupazione domenica mattina in mezzo al lago, tra Peschiera e Sirmione

Foto da veronasera.it

Mattinata (quasi) da incubo per i 145 passeggeri del catamarano Parini, che partito da Peschiera del Garda stava navigando in direzione di Sirmione: a causa di un principio d'incendio nel vano motore sono stati tutti trasferiti, intorno alle 11.30, sulla motonave Catullo chiamata appositamente per il trasbordo dei passeggeri. Poi arrivati tutti a Sirmione, sani e salvi.

Nessuna avvisaglia del guasto o del pericolo alla partenza del catamarano da Peschiera. I problemi sono arrivati dopo, in mezzo al lago, con un malfunzionamento del motore dovuto probabilmente all'incendio che si era scatenato in sala macchina. Un piccolo focolaio, ma che ha spinto il capitano a chiedere il trasbordo di tutti i passeggeri, onde evitare qualsiasi rischio.

Passeggeri spaventati, ma tutto fila liscio

Tutti e 145 i passeggeri a bordo sono state dunque trasferiti sulla Catullo. Tutto è filato liscio, salvo l'inevitabile preoccupazione di clienti e turisti. Una volta svuotato, intorno alle 13 il catamarano è tornato al porto: ad aspettarlo c'erano i Vigili del Fuoco di Bardolino con una squadra terreste e una squadra nautica.

L'incendio sarebbe stato provocato dalla rottura di una turbina: la perdita d'olio e qualche scintilla di troppo avrebbero poi scatenato le fiamme. Ha preso fuoco il filtro dell'aria, e il fumo si è diffuso in tuttal'imbarcazione. Spenti tutti i focolai, i pompieri hanno provveduto a ventilare i locali interessati. Sono già in corso le riparazioni del catamarano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza grave in ospedale per un'infezione: un altro caso dopo Veronica?

  • Operai al cimitero: la bara scivola, si rompe e fuoriesce la salma

  • La testa schiacciata tra la gru e il tetto: così è morto Antonio, padre di tre figli

  • Il dramma di Veronica: uccisa a 19 anni da una meningite fulminante

  • Troppa nebbia, esce di strada e finisce nel canale: muore annegato nella sua auto

  • Giovane padre ucciso dalla malattia: "Te ne sei andato troppo presto, proteggici da lassù"

Torna su
BresciaToday è in caricamento