Prima le botte ai militari, poi lanciano bottiglie di vetro in caserma

Arrestati due giovani sul lago di Garda: sono accusati anche di lesioni e resistenza a pubblico ufficiale. In caserma hanno aggredito un carabiniere donna

Foto di repertorio

Una vera notte di follia tra Castelnuovo e Peschiera del Garda: una coppia di giovanissimi, entrambi stranieri, ha prima insultato e poi aggredito i carabinieri che li avevano appena fermati, prendendosela in particolare con un militare donna, quasi colpita al volto e poi alle gambe. I due giovani, che hanno circa 20 anni, di nazionalità marocchina e cubana, sono stati inevitabilmente arrestati.

Un semplice controllo

Tutto è successo nella notte tra lunedì e martedì a Castelnuovo: una pattuglia in perlustrazione ha avvicinato i due giovani che camminavano da soli in paese, e che subito hanno cominciato a inveire contro i carabinieri.

Nelle loro tasche i militari hanno recuperato un coltello proibito, e una piccola custodia ormai vuota ma in cui si presume in precedenza ci fosse della droga. Uno di loro ha poi raccontato ai militari di aver appena concluso una rissa.

Raptus di follia in caserma

Probabilmente alterati da alcol o sostanze, una volta in caserma i due hanno fatto vedere il peggio di sé. Il giovane cubano, mentre veniva compilato il verbale per la perquisizione, ha strappato i fogli di mano alla militare che li stava compilando, li ha lanciati e l'ha aggredita, prima colpendola con un pugno al volto (per fortuna solo sfiorato) e poi colpendola con un calcio sulla gamba.

Fuori di sé dalla rabbia, è stato bloccato grazie all'intervento di altri due carabinieri, e subito trasferito in cella. Il suo amico è stato invece liberato, ma una volta fuori ha raccolto alcune bottiglie di vetro e ha cominciato a lanciarle contro la porta d'ingresso della caserma. Anche lui è stato immobilizzato e arrestato.

Le accuse

Dovranno rispondere a vario titolo di porto abusivo d'armi, aggressione, violenza e resistenza a pubblico ufficiale. Una vasta gamma di accuse che va ad aggiungersi alla loro fedina penale, già ricca di precedenti per droga e reati contro il patrimonio.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si accascia a terra in casa, giovane mamma uccisa da un improvviso malore

  • Tragico infortunio mentre lavora nel bosco, muore papà di tre bimbi piccoli

  • Esce di casa e scompare: ore d'ansia per un bimbo di 10 anni

  • Investita mentre attraversa la tangenziale di notte: morta ragazza di 22 anni

  • Ucciso dal cancro: fino all'ultimo Luca ha voluto gli amati cani al suo fianco

  • Donna trovata morta nel canale: potrebbe essere stata uccisa

Torna su
BresciaToday è in caricamento