Bovezzo: 500 film hard con minori, denunciato pedofilo

Il commissariato di polizia di Desenzano ha denunciato un 40enne di Bovezzo per detenzione di materiale pedopornografico. Nella sua abitazione nascondeva 500 filmati di bambini e adolescenti ripresi in atteggiamenti intimi

Una cineteca dell'orrore. Filmati ripugnanti di bambini ed adolescenti ripresi in atteggiamenti intimi o durante la consumazione di un rapporto sessuale. È quanto hanno trovato i poliziotti di Desenzano nella casa di un 40enne di Bovezzo.

Il materiale pedopornografico era salvato e conservato su diversi computer, su alcuni hard disk esterni e su Dvd.I filmati non sarebbero stati prodotti dall'indagato, ma scaricati dalla rete.

Durante la perquisizione i militari hanno trovato anche una video camera di piccole dimensioni che era stata nascosta in una cassa acustica realizzata appositamente.

La cassa era, infatti, vuota e attraverso un foro, ben nascosto, poteva riprendere immagini all'insaputa dei presenti.

Il quarantenne è stato denunciato per possesso di materiale pedopornografico.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, contagiati altri due bresciani: primo caso sospetto in città

  • All'ospedale Civile una paziente col Coronavirus, controlli su 5 bresciani

  • Incidente a Pozzolengo: neonato di Lonato muore in ospedale

  • "Non so come l'ho preso": parla la ginecologa positiva al coronavirus

  • Emergenza Coronavirus: 4 casi positivi al Civile, c'è il primo bresciano

  • Secondo caso bresciano di Coronavirus: è una ginecologa di 36 anni

Torna su
BresciaToday è in caricamento