Auto sospetta gira per il paese, a bordo coltelli e cappucci

Fiat Punto fermata dopo un breve inseguimento a Pavone Mella. Denunciati i due uomini a bordo

Un'utilitaria sospetta che girovagava per le vie del paese: a Pralboino prima, a Pavone Mella poi. L'auto - una Fiat Punto -  non è sfuggita ai carabinieri di Pralboino che, dopo le numerose segnalazioni arrivate in caserma domenica pomeriggio,  hanno fatto scattare il piano di controllo del territorio insieme ai militari della compagnia di Verolanuova. 

Tutte le pattuglie della Bassa sono quindi confluite nella zona, bloccando le vie di fuga. Una strategia vincente: l'utilitaria è stata fermata nel centro di Pavone Mella. Dopo breve inseguimento, la pattuglia della stazione di Pralboino ha bloccato la Punto, con bordo due malviventi che, viste le vie di fuga chiuse, hanno preferito accostare e non opporre ulteriore resistenza.

Il controllo ha confermato i sospetti: a bordo sono stati trovati diversi arnesi atti allo scasso, un coltello a serramanico, ma anche cappucci e sciarpe. Inoltre la perquisizione ha permesso di scovare un distintivo opportunamente artefatto con la scritta Carabinieri, usato per ingannare potenziali vittime. 

I due uomini - entrambi cinquantenni, veronesi e con numerosi precedenti per reati contro il patrimonio -  sono stati denunciati a piede libero e tutto il materiale sottoposto a sequestro. Non è finita. I militari stanno effettuando tutti gli accertamenti per attribuire eventuali colpi avvenuti nei giorni scorsi ai due malviventi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza grave in ospedale per un'infezione: un altro caso dopo Veronica?

  • Operai al cimitero: la bara scivola, si rompe e fuoriesce la salma

  • La testa schiacciata tra la gru e il tetto: così è morto Antonio, padre di tre figli

  • Investita nel parcheggio del centro commerciale: donna muore sul colpo

  • Notte di paura: si trova un orso davanti e lo travolge con l'auto

  • Cane rinchiuso per mesi al buio: era costretto a vivere tra feci e urine

Torna su
BresciaToday è in caricamento