Bocconi avvelenati fuori paese, decine gli animali a rischio

Allarme lanciato dai residenti e 'rinforzato' dal sindaco: tra Camignone e Passirano si sprecano la segnalazioni di bocconcini avvelenati. A pagare - per ora - soprattutto i felini

Ennesimo allarme esche avvelenate nel bresciano, questa volta a Passirano. Tra gli amici a quattro zampe più colpiti ci sarebbero soprattutto i gatti: un fenomeno - in alcuni casi mortale - il cui epicentro si sarebbe registrato nei pressi di Via degli Eroi, a metà strada tra il ‘capoluogo’ e la frazione di Camignone.

Esche sistemate con precisione, nei luoghi più frequentati dai felini, e non solo randagi. Quanto basta per far saltare sulla sedia i più affezionati padroni. Gli ultimi aggiornamenti al lungo elenco degli avvelenati confermerebbero pure l’intossicazione di qualche cane.

Come al solito il veleno è nascosto in bocconcini a prima vista prelibati, il più delle volte avvolto nella pancetta. Anche il sindaco Francesco Pasini ha voluto mettere in allerta i suoi concittadini: “Sul territorio comunale si sono verificati casi certificati di avvelenamento di felini – si legge sul BresciaOggi – La zona segnalata risulta essere quella di Via degli Eroi”.

Nella sua lettera pubblica mette in guardia i presunti avvelenatori: “Voglio ricordare che disperdere deliberatamente cibo avvelenato integra diverse fattispecie di illeciti. Chiunque cagione la morte di un animale può essere punito con la reclusione da 3 a 18 mesi”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza grave in ospedale per un'infezione: un altro caso dopo Veronica?

  • Operai al cimitero: la bara scivola, si rompe e fuoriesce la salma

  • La testa schiacciata tra la gru e il tetto: così è morto Antonio, padre di tre figli

  • Troppa nebbia, esce di strada e finisce nel canale: muore annegato nella sua auto

  • Ragazza di 16 anni in ospedale: "E' lo stesso Meningococco di Veronica"

  • Travolta e investita da un camion sulle strisce pedonali: donna muore sul colpo

Torna su
BresciaToday è in caricamento