Parco delle Cave: arriva l'impegno del sindaco

Il Co.Di.S.A., comitato cittadino di San Polo, ha riferito i risultati dell'incontro avuto giorni fa con il sindaco di Brescia Pandolfi da cui si è avuto l'impegno per il Parco delle Cave

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BresciaToday

Il Comitato di difesa della salute e ambiente della zona bresciana di San Polo (Co.Di.S.A.)  ha incontrato il sindaco di Brescia Adriano Paroli in vista della prossima approvazione del piano territoriale comunale.

L'incontro con il sindaco arriva dopo che il Comitato cittadino si è impegnato da oltre u nanno a studiare le possibili soluzioni per realizzare il parco delle Cave e presentare così alla città una proposta coerente con i bisogni del territorio e dei cittadini tutti.

"Siamo alla vigilia di un appuntamento importante: a breve in consiglio comunale si voterà il Piano di Governo del Territorio, in questo documento si deciderà cosa fare di ogni palmo del territorio, dove si costruisce, dove si fanno i parchi, come ci si muove in città, i luoghi del divertimento, quelli del lavoro, i servizi - spiega il Co.Di.S.A. -  Lì ci sarà scritto il futuro della città per i prossimi 5 anni".

"Ecco allora la nostra proposta: per prima cosa allarghiamo la visione da una sola cava Faustini, ma a tutte quelle circostanti, un'unica progettazione su 4,5 milioni di mq, di cui la gran parte a vocazione naturalistica, e la restante per impianti sportivi leggeri, per favorire lo sport per tutti di tutti i giorni".

Dagli incontri con il sindaco Pandolfi si è presentata da quanto comuni il comitato una convergenza sulla bonifica dell'intera zona e la vocazione naturalistica di tutte le altre aree.

"Per far il parco delle Cave occorre togliere delle “pietre”, pietre che non abbiamo messo noi ma che ci troviamo dalla storia, e sono il Cesio 137, l'Ecoservizi, l'inquinamento di tangenziale e autostrada, i bitumifici, etc. ma soprattutto non ne dobbiamo mettere altre: la discarica di amianto, il polo logistico, lo stadio", spiega il comitato.

L'unico punto di frizione con l'amministrazione comunale è proprio la realizzazione dello stadio, ma nonostante tutto il sindaco ha accettato di sottoscrivere una lettera di impegno proposta del comitato. Inanto l'amministrazione comunale pur rimanendo ferma nell'idea di costruire il nuovo stadio, ha diminutito i volumi edificabili nella cava di Faustini un passo decisivo verso la realizzazione del Parco delle Cave, un passo importante per sanare il territorio e dare un  polmone verde che faccia respirare meglio tutta la città.

Torna su
BresciaToday è in caricamento