Giallo a Padenghe: scomparsa la figlia di un boss della 'Ndrangheta

Francesca Bellocco, 43 anni, è scomparsa da casa da circa due mesi. A dare l'allarme il figlio e il marito. Insieme a lei, non si hanno più notizie di Domenico Cacciola, parente di Maria Concetta, la testimone di giustizia morta assassinata nell'agosto 2011

Da oltre due mesi non si hanno più notizie di Francesca Bellocco, 43 anni, figlia del defunto boss dell'omonima cosca che opera a Rosarno, Pietro.

Quasi in contemporanea, a Rosarno, sarebbe scomparso anche Domenico Cacciola, 50 anni, già noto alle forze dell'ordine e parente di Maria Concetta Cacciola, la testimone di giustizia morta il 20 agosto 2011 per avere ingerito acido muriatico ma che, secondo la Corte d'assise di Palmi, sarebbe stata uccisa.

Sulle due scomparse sono state avviate indagini da parte dei carabinieri anche se, formalmente, l'unico caso di scomparsa conclamato è quello della donna, per la quale il marito Salvatore Barone, sorvegliato speciale, ed il figlio hanno presentato denuncia di allontanamento: la famiglia risiede a Padenghe sul Garda. Per l'uomo, invece, non è stata stata presentata alcuna denuncia.

Non è da escludere, però, che presto anche i familiari di Cacciola vengano sentiti dai carabinieri per avere chiarimenti su quello che è avvenuto. I due si conoscevano tra loro, ma al momento gli investigatori non starebbero pensando ad un allontanamento volontario. Nessuna ipotesi viene comunque esclusa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza grave in ospedale per un'infezione: un altro caso dopo Veronica?

  • Operai al cimitero: la bara scivola, si rompe e fuoriesce la salma

  • La testa schiacciata tra la gru e il tetto: così è morto Antonio, padre di tre figli

  • Il dramma di Veronica: uccisa a 19 anni da una meningite fulminante

  • Troppa nebbia, esce di strada e finisce nel canale: muore annegato nella sua auto

  • Giovane padre ucciso dalla malattia: "Te ne sei andato troppo presto, proteggici da lassù"

Torna su
BresciaToday è in caricamento