Montichiari: palpeggia una paziente, condannato infermiere

Condannato a due anni di carcere l'infermiere dell'ospedale di Montichiari che nel 2011 avrebbe palpeggiato e molestato una giovanissima paziente (una ragazza di 20 anni) del reparto di psichiatria

E’ stato condannato a due anni di reclusione l’infermiere che nel 2011 avrebbe ripetutamente palpeggiato e molestato una ragazza di appena 20 anni, ‘ospite’ del reparto di psichiatria dell’ospedale di Montichiari.

La ragazza ai tempi lo avrebbe accusato di essere andato “un po’ oltre”, palpeggiandola tra le sale del reparto, forse approfittando della sua fragilità psichica, la causa scatenante il suo ricovero.

Dal canto suo l’infermiere si difende, ed esclude la possibilità della molestie: solo gesti innocenti, senza alcun secondo fine e con la chiara intenzione di consolare la ragazza, di farla “riavvicinare ai genitori”.

Il Tribunale di Brescia ha intanto ‘battuto’ per la violenza sessuale, e per la prima condanna. Si attende il ricorso alla Corte d’Appello, e una sentenza che dunque è tutt’altro che definitiva.

Potrebbe interessarti

  • Sudorazione eccessiva? Ecco cos'è l'iperidrosi

  • Cosa possono bere (e cosa no) i bambini nell’età della crescita

  • Caffè, brioche e dolci sorprese: i bar di Brescia dove la colazione è un'arte

  • Lo spioncino digitale per la porta di casa

I più letti della settimana

  • Nadia è morta per un cancro al cervello: la spiegazione degli oncologi italiani

  • "Era drammatico: Nadia sapeva che sarebbe morta, ma non perdeva il sorriso"

  • Nadia Toffa, al funerale c'era l'ex fidanzato: quando parlò di figli e matrimonio

  • Nadia Toffa, è il giorno dell'addio: attese centinaia di persone da tutta Italia

  • Da un piccolo allevamento a un impero da 50 milioni: morta Elvira Crescenti

  • Ragazzo di 16 anni gravissimo dopo un tuffo: trauma spinale, rischia la paralisi

Torna su
BresciaToday è in caricamento