Operazione Pettirosso: strage di 2.400 uccellini, nei guai un 'esercito' di bracconieri

I Carabinieri Forestali hanno portato a termine l'Operazione Pettirosso, che ha riguardato la lotta al bracconaggio nelle province di Brescia, Monza Brianza e Como. 

L'intervento, durato in tutto 4 settimane con l'impiego di ben 50 militari, ha portato al sequestro di 2.600 uccelli (solo 216 quelli ancora vivi), diversi dei quali appartenenti a specie protette, 1300 dispositivi di cattura illegale e 56 fucili. All'operazione hanno collaborato anche associazioni ambientaliste come LAC, WWF e CABS, cittadini comuni e alcuni cacciatori.

Tra le varie trappole sequestrate, sono state rinvenuti anche archetti e reti da uccellagione, nonché dispositivi ideati per amputare le zampe dei volatili, lasciandoli a terra agonizzanti per ore.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le persone denunciate sono oltre cento, su cui pendono svariate accuse, dal bracconaggio all’illecito possesso di armi. Tra di loro anche due bresciani sorpresi a cacciare utilizzando delle reti.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Una famiglia distrutta dal Coronavirus: in 20 giorni sono morti tre fratelli

  • Ingerisce una batteria e rimane soffocata: morta bimba di tre anni

  • Addio a mamma Susanna, caporeparto: il supermercato ha chiuso per lutto

  • Brescia sprofonda di nuovo nell’incubo: 315 nuovi casi e 57 morti in 24 ore

  • Coronavirus in provincia di Brescia: morti e contagi Comune per Comune | 5 aprile 2020

  • Coronavirus, cresce la mobilità in Lombardia: "Si spostano decine di migliaia di persone"

Torna su
BresciaToday è in caricamento