Strage di Ono: Iacovone fuori pericolo, presto la riabilitazione

A breve sarà dimesso dal centro Grandi Ustionati di Padova e inizierà il periodo di riabilitazione, probabilmente nell'ospedale di Cremona

Pasquale Iacovone

E' ormai fuori pericolo di vita Pasquale Iacovone, l’uomo accusato di duplice omicidio a seguito dell’incendio di Ono San Pietro dello scorso 16 luglio, nel quale furono trovati morti i suoi due figli, i fratellini Davide e Andrea, uno di 9 e l’altro di 12 anni.

Nei prossimi giorni sarà dimesso dal centro Grandi Ustionati di Padova e verrà trasferito in un altro ospedale per iniziare la fase di riabilitazione, probabilmente in quello di Cremona.

Fino a pochi giorni fa era ancora intubato e privo di conoscenza, ma il suo legale ha confermato che ora si può parlare di un vero e proprio caso di "sopravvivenza". Quindi, a breve, potrà rientrare nell'inchiesta che lo vede indagato per omicidio volontario.

Per quanto riguarda, invece, il la denuncia per stalking da parte della madre dei due bimbi, Erica Patti, tempo prima che si consumasse la tragedia, il processo è fermo dopo il trasferimento del giudice che si occupava del caso e si attende pertanto una nuova nomina.

Ono San Pietro:
poesia a mamma Erica dai compagni di scuola dei bimbi

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza grave in ospedale per un'infezione: un altro caso dopo Veronica?

  • Operai al cimitero: la bara scivola, si rompe e fuoriesce la salma

  • La testa schiacciata tra la gru e il tetto: così è morto Antonio, padre di tre figli

  • Troppa nebbia, esce di strada e finisce nel canale: muore annegato nella sua auto

  • Ragazza di 16 anni in ospedale: "E' lo stesso Meningococco di Veronica"

  • Tragedia avvolta nel mistero: cadavere trovato in autostrada, lungo la corsia di sorpasso

Torna su
BresciaToday è in caricamento