Strage di Ono San Pietro: Iacovone condannato per stalking

Pasquale Iacovone, l'uomo accusato di aver ucciso bruciando vivi i suoi figli, di 9 e 12 anni, ha patteggiato una condanna di due anni e quattro mesi per l'accusa di stalking, nei confronti della moglie Erica Patti

Pasquale Iacovone

Alle accuse già pesantissime che lo accompagnano se ne è aggiunta un’altra: Pasquale Iacovone, l’uomo residente a Ono San Pietro e che sarebbe accusato di aver ucciso i due figli nell’incendio che scosse una provincia intera, nel luglio scorso, ha patteggiato una pena di due anni e quattro mesi per stalking, nei confronti della moglie Erica Patti.

Mesi e mesi di minacce e veri e propri atti intesi alla persecuzione, e una condanna che a questo punto pareva inevitabile. Il presunto omicida, dopo alcuni mesi di cura in ospedale, è attualmente rinchiuso in carcere, in attesa dell’avvio del processo per doppio omicidio previsto per i primi di luglio.

La moglie chiede ancora giustizia, travolta la scorsa estate da una tragedia per una madre inimmaginabile: la morte dei due figli piccoli, di 9 e 12 anni, morti carbonizzati nell’incendio forse provocato dallo stesso Iacovone.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operai al cimitero: la bara scivola, si rompe e fuoriesce la salma

  • Troppa nebbia, esce di strada e finisce nel canale: muore annegato nella sua auto

  • Ragazza di 16 anni in ospedale: "E' lo stesso Meningococco di Veronica"

  • Tragedia avvolta nel mistero: cadavere trovato in autostrada, lungo la corsia di sorpasso

  • Un paese fantasma: chiude l'ultimo negozio, a rischio anche l'unico bar

  • Dramma in una cascina: trovato morto uomo di 56 anni

Torna su
BresciaToday è in caricamento