Prealpino: torturano e bruciarono vivo un 51enne, arrestati 3 fratelli

Tre fratelli di origine napoletana sono stati arrestati con l'accusa di aver ucciso Gioacchino Lombardo che, il 2 luglio 2003, fu seviziato in un'abitazione del Villaggio Prealpino e poi bruciato vivo in un'auto nel Pavese

Brescia, Villaggio Prealpino

Tre fratelli napoletani sono stati arrestati dai carabinieri del comando provinciale di Brescia perché ritenuti responsabili dell'omicidio di Gioacchino Lombardo, 51 anni.

I militari hanno eseguito l'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip del Tribunale di Pavia a Rozzano, Sesto San Giovanni e Savona.

Nel pomeriggio del 2 luglio 2003 i tre arrestati, in un'abitazione del Villaggio Prealpino a Brescia, avevano picchiato violentemente Lombardo, fratturandogli le ossa nasali ed il cranio, 'incaprettandolo' con del filo elettrico e trasportandolo poi ancora vivo a Bereguardo (nella campagna di Pavia) nel bagagliaio dell'auto.

Qui il mezzo venne incendiato, provocando la morte di Lombardo.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lastre di cemento sfondano la cabina del tir: strada chiusa e caos traffico

  • Scende dal bus e attraversa la strada: ragazzino travolto sotto gli occhi degli amici

  • Addio Elisabetta, una lunga lotta contro il cancro: "Sei stata un esempio per tutti"

  • Ucciso dalla malattia, addio al giovane Davide: "Lascia dei ricordi bellissimi"

  • Tragico incidente mentre torna a casa dal lavoro: muore padre di famiglia

  • Malore al volante, si schianta nel campo e muore: a bordo dell'auto anche moglie e amici

Torna su
BresciaToday è in caricamento