Massacrato con 60 coltellate: fermati due italiani

Svolta nell’inchiesta sull’omicidio di Riadh Belkahla, il tunisino di 48 anni massacrato con 60 coltellate martedì scorso a Erbusco.

Nei giorni successivi al delitto, gli inquirenti si sono concentrati sul telefono del 48enne, rinvenuto nella Mercedes in cui giaceva il cadavere, in cui sono state trovate decine di chiamate ricevute poche ore prima della feroce aggressione.

Tracce poi risultate fondamentali, che hanno portato al fermo dei due presunti assassini, ragazzi italiani di 21 e 28 anni, che avevano un debito nei confronti di Belkahla per una fornitura di marijuana di mille euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Notte da incubo dopo la pizza? Ecco perché ci viene così tanta sete

  • Incidente stradale a Dello: morto Alex Tanzini di 38 anni

  • In bicicletta sull'autostrada A4: muore sul colpo travolto da un'auto

  • Malore improvviso in casa, muore giovane mamma: "Non voglio crederci"

  • Il tragico destino di Sara, stroncata dalla malattia a soli 27 anni

  • Brutalmente ammazzata dal marito, niente sepoltura: "Lui non lo permette"

Torna su
BresciaToday è in caricamento