Omicidio della vigilia di Natale a Calvisano: l'accusa chiede 30 anni

Chiesti trent'anni per Vito D'Angelo per l'omicidio dell'ex cognato Luca Zanella la vigilia di Natale dello scorso anno: "Un assassino dalla personalità narcisistica e abnorme"

Il pm Alessandro Raimondi ha chiesto una pena a trent'anni di carcere nei confronti di Vito D'Angelo, l'uomo che, la notte della vigilia di Natale dello scorso anno, uccise a Calvisano l'ex cognato Luca Zanella. All'origine dell'omicidio i soldi riguardanti un mutuo.

La difesa ha chiesto le "attenuanti generiche" perché l'imputato si è costituito, mentre la perizia voluta dagli avvocati di parte civile parla di un omicidio segnato dalla premeditazione, e di un assassino dalla personalità narcisistica e abnorme.

Per il 13 dicembre dovrebbe arrivare la sentenza del giudice Cesare Bonamartini.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Due sorelle, lo stesso tragico destino: uccise dal cancro a distanza di 20 giorni

  • Donna trovata morta in campagna: tragedia avvolta nel mistero

  • Brescia, morta Leontine Martin: era al vertice di un'azienda da mezzo miliardo di euro

  • In arrivo intensa ondata di maltempo, porterà pioggia e abbondanti nevicate

  • Orzinuovi piange la scomparsa del ristoratore Tonino Casalini

  • Sposato, padre di 3 figli: prende a schiaffi e pugni la moglie in strada

Torna su
BresciaToday è in caricamento