Omicidio della vigilia di Natale a Calvisano: l'accusa chiede 30 anni

Chiesti trent'anni per Vito D'Angelo per l'omicidio dell'ex cognato Luca Zanella la vigilia di Natale dello scorso anno: "Un assassino dalla personalità narcisistica e abnorme"

Il pm Alessandro Raimondi ha chiesto una pena a trent'anni di carcere nei confronti di Vito D'Angelo, l'uomo che, la notte della vigilia di Natale dello scorso anno, uccise a Calvisano l'ex cognato Luca Zanella. All'origine dell'omicidio i soldi riguardanti un mutuo.

La difesa ha chiesto le "attenuanti generiche" perché l'imputato si è costituito, mentre la perizia voluta dagli avvocati di parte civile parla di un omicidio segnato dalla premeditazione, e di un assassino dalla personalità narcisistica e abnorme.

Per il 13 dicembre dovrebbe arrivare la sentenza del giudice Cesare Bonamartini.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Notte da incubo dopo la pizza? Ecco perché ci viene così tanta sete

  • Brutalmente ammazzata dal marito, niente sepoltura: "Lui non lo permette"

  • Baci alla ragazza, finisce a processo: "Non sapevo avesse appena 12 anni"

  • Massacrata di botte la fidanzata: la crede morta e brucia l'appartamento

  • Cadavere ritrovato nel lago d'Iseo: forse è la giornalista Rosanna Sapori

  • Le lacrime per mamma Laura, stroncata da un tumore a soli 38 anni

Torna su
BresciaToday è in caricamento